Contenuto sponsorizzato

Il ghiacciaio scompare e compaiono i resti di un soldato italiano della Prima guerra mondiale in Val di Fumo

Il militare è stato recuperato a quota 2.920 metri, la divisa e parte degli equipaggiamenti sono ancora quasi integri. Ora la Sovrintendenza cercherà di ricostruire la storia e dare un nome al soldato

 

Pubblicato il - 08 agosto 2017 - 16:32

RIVA DEL GARDA. E' stato recuperato, a quota 2.920 metri, un soldato italiano della Prima guerra mondiale, il quale è rimasto custodito per quasi cento anni nel ghiacciaio della Val di Fumo

 

Complice il ritiro del ghiacciaio, i carabinieri di Carisolo hanno individuato e rinvenuto i resti, mentre il dottor Franco Nicolis e la dottoressa Cristina Bassi per la Sovrintendenza dei beni archeologici della Provincia di Trento, i carabinieri del Soccorso Alpino di Carisolo e Madonna di Campiglio hanno recuperato il soldato italiano, il cui corpo ormai decomposto, risulta ancora in buono stato di conservazione: la divisa e parte degli equipaggiamenti sono infatti ancora quasi integri.

 

Ora, traslato presso il Cimitero di Trento, dopo le formali autorizzazioni rilasciate della Procura della Repubblica del capoluogo, sarà a disposizione della Sovrintendenza che cercherà di ricostruire la storia del soldato, anche tramite esami autoptici e storici, e cercare di dare un nome al militare.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato