Contenuto sponsorizzato

La partita dietro le sbarre: i detenuti di Spini affrontano il Trento calcio

Mercoledì 26 ottobre, alle ore 9, la formazione dell'Ac Trento di Manfioletti varcherà la soglia della casa circondariale di Trento nord per giocare un'amichevole molto particolare contro una squadra di detenuti.

Mercoledì 26 ottobre, l'Ac Trento affronterà una selezione della casa circondariale di Spini di Gardolo (foto G&T Photography)
Di Nicola Baldo - 24 September 2016 - 11:08

TRENTO. Lo sport, praticato anche nel quotidiano, rende davvero liberi. Una frase che ha un significato molto particolare per chi la libertà non ce l'ha. Stiamo parlando dei detenuti del carcere di Spini di Gardolo, chiamati nei prossimi giorni ad essere protagonisti di un evento sportivo davvero particolare.

 

Questo perché il prossimo mercoledì 26 ottobre, alle ore 9, i ragazzi dell'Ac Trento varcheranno le soglie della casa circondariale di Trento nord per giocare un'amichevole molto particolare contro una squadra di detenuti.

 

La partita si giocherà sul campetto ricavato all'interno della struttura di Spini ed avrà un significato molto particolare. Da una parte, infatti, dare ai ragazzi detenuti un'occasione di svago diversa dalla quotidianità del carcere e dall'altra avvicinare il mondo esterno alla vita nella casa circondariale. In queste occasioni il calcio a 5 e lo sport in generale si dimostra come un ottimo veicolo per chi vuole ricostruire la propria vita dopo gli errori del passato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 18:42

Il presidente ha confermato l'intenzione di proseguire con le lezioni in presenza. Ferro ha raccomandato di arieggiare gli spazi chiusi e mantenere le distanze sociali: ''Non ci rendiamo conto di quanto sia stressato il nostro sistema sanitario per questo aumento dei ricoveri che temo per i prossimi 10 giorni non potranno che aumentare''

03 marzo - 18:37

Il rapporto contagi/residenti a Giovo continua a rimanere sopra il 3% così il presidente della Pat firmerà a breve l’ordinanza per far scattare nuove misure. Fugatti: “Per le scuole medie non cambia nulla per il resto si applicano le restrizioni da zona rossa”. L’ordinanza in vigore da alla mezzanotte di giovedì

03 marzo - 18:15

Il contagio torna a mettere in difficoltà il sistema sanitario in Trentino con 47 ricoveri in terapia intensiva (il massimo della seconda ondata era stato 53) e altre 3 persone in alta intensità. Chiuse altre 6 classi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato