Contenuto sponsorizzato

Marmolada, chiede ai compagni di andare avanti per riposarsi. Loro tornano e lo trovano senza vita

L'uomo, un 43enne bulgaro, è stato colto da un malore. Si trovava sulla Marmolada a quota 3.200 poco dopo la ferrata di Punta Penia

Pubblicato il - 20 agosto 2017 - 17:17

CANAZEI. Ha lamentato dolori alla gambe e stanchezza. Così ha chiesto ai suoi compagni di scalata di andare avanti e di lasciarlo riposare un po'. Si è seduto per riprendere fiato, poco dopo la ferrata di Punta Penia e intanto i suoi compagni hanno proceduto verso la cima. Rientrando, però, lo hanno trovato sdraiato a terra, privo di sensi

 

E' successo oggi sulla Marmolada a un turista bulgaro di 43 anni che, colto da un malore ha perso la vita. A dare l'allarme i suoi compagni di scalata che hanno allertato immediatamente il Suem 118 che ha inviato l'elisoccorso di Pieve Cadore. I sanitari hanno così raggiunto quota 3.200 metri e hanno subito praticato le manovre di rianimazione all'uomo senza poter purtroppo fare nulla per lui.

Constatato il decesso, l'elicottero ha dovuto trasportare via uno degli amici, molto scioccato per l'accaduto. Lo ha accompagnato fino a Passo Fedaia, lasciandolo poi a una squadra del soccorso alpino di Fassa. A quel punto l'elicottero del Suem è tornato sulla Marmolada a recuperare la salma dell'uomo per portarla a Canazei.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 febbraio - 20:10

Da quando c'è il Covid, le attività ludiche e ricreative proposte ai bambini di Protonterapia si sono dovute fermare. Così, a organizzare il loro tempo libero nelle difficili situazioni che vivono i pazienti, ci pensano le famiglie. Il direttore Maurizio Amichetti racconta le difficoltà di quest'anno di pandemia

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

25 febbraio - 08:31

La Commissione europea avrebbe chiesto spiegazioni alla Germania per l'inasprimento dei controlli alle frontiere. Un'iniziativa cui ha fatto seguito quella dell'Austria, ragione per cui la situazione al valico del Brennero è  critica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato