Contenuto sponsorizzato

Marmolada, chiede ai compagni di andare avanti per riposarsi. Loro tornano e lo trovano senza vita

L'uomo, un 43enne bulgaro, è stato colto da un malore. Si trovava sulla Marmolada a quota 3.200 poco dopo la ferrata di Punta Penia

Pubblicato il - 20 agosto 2017 - 17:17

CANAZEI. Ha lamentato dolori alla gambe e stanchezza. Così ha chiesto ai suoi compagni di scalata di andare avanti e di lasciarlo riposare un po'. Si è seduto per riprendere fiato, poco dopo la ferrata di Punta Penia e intanto i suoi compagni hanno proceduto verso la cima. Rientrando, però, lo hanno trovato sdraiato a terra, privo di sensi

 

E' successo oggi sulla Marmolada a un turista bulgaro di 43 anni che, colto da un malore ha perso la vita. A dare l'allarme i suoi compagni di scalata che hanno allertato immediatamente il Suem 118 che ha inviato l'elisoccorso di Pieve Cadore. I sanitari hanno così raggiunto quota 3.200 metri e hanno subito praticato le manovre di rianimazione all'uomo senza poter purtroppo fare nulla per lui.

Constatato il decesso, l'elicottero ha dovuto trasportare via uno degli amici, molto scioccato per l'accaduto. Lo ha accompagnato fino a Passo Fedaia, lasciandolo poi a una squadra del soccorso alpino di Fassa. A quel punto l'elicottero del Suem è tornato sulla Marmolada a recuperare la salma dell'uomo per portarla a Canazei.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:37

Nonostante fossero in borghese gli agenti della polizia locale sono stati riconosciuti dal ragazzo che era salito su un auto parcheggiata davanti alla scuola media Manzoni in orario scolastico

11 novembre - 20:37

Terza puntata sul Deepfake. L'intelligenza artificiale pone un problema di etica. Alla base del successo del "falso" un preciso meccanismo cognitivo detto "confirmation bias" 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato