Contenuto sponsorizzato

Minori e alcol, in arrivo l'inasprimento delle sanzioni per gli esercenti

Manuela Bottamedi del gruppo misto e Violetta Plotegher del Pd hanno proposto il disegno di legge 78 in materia di minori e consumo di bevande alcoliche, ma il Questore sottolinea che il fenomeno è sociale e culturale: "Le sanzioni non bastano, è necessario agire nelle scuole e in famiglia". Il 30% dei trentini è a rischio

Di Luca Andreazza - 28 settembre 2016 - 17:18

TRENTO. Alcol e giovani. Una relazione burrascosa, ma soprattutto pericolosa. L'elevato consumo di alcolici contraddistingue tutto il Nord Est, che presenta in questo campo percentuali sopra la media rispetto al territorio nazionale. I primi due gradini del podio di questa classifica sono occupati rispettivamente da Bolzano e Trento, dove si registrano le più alte percentuali di mortalità dovute all'alcol e di consumatori in modalità binge drinking, cioè che bevono con l'obiettivo di ubriacarsi.

 

In questa ottica di prevenzione e lotta a questo fenomeno sociale, Manuela Bottamedi del gruppo misto e Violetta Plotegher del Pd hanno proposto il disegno di legge 78 in materia di minori e consumo di bevande alcoliche; sul quale è stato chiesto il parere anche del Questore di Trento Massimo D'Ambrosio. Nello specifico l'esponente del Partito Democratico, rivolgendosi al Questore, ha chiesto se l'inasprimento delle sanzioni previsto dal disegno di legge nei confronti dei soggetti che offrono bevande alcoliche ai minori potrebbe funzionare e quale sia la migliore misura di prevenzione per attivare per un controllo efficace del fenomeno. La legge provinciale prevede una sanzione da 50 a 500 euro per i minori pizzicati a consumare gli alcolici, mentre fino a 5.000 euro per un esercente che somministra alcolici a minorenni.

 

Il Questore ha puntualizzato che per contrastare questo fenomeno non basta agire in una sola direzione perché le cause del consumo di alcolici tra i minori sono molteplici, come il bisogno di sentirsi socialmente accettati in gruppo dove gli alcolici rappresentano quasi un status symbol. "Si tratta di un problema che coinvolge tutte le istituzioni del territorio, compresi i servizi sociali. E' necessario agire sull'educazione e la cultura attraverso la scuola e la famiglia - ha precisato - perchè il problema ha un dimensione globale: i giovani, guardando la televisione, seguono il modello dello spettacolo, dove i loro protagonisti stimolano il consumo di alcol e droga".

 

L'inasprimento delle sanzioni amministrative, per D'Ambrosio, risulterebbero quindi inefficaci, se non si agisce sulla dimensione culturale e cognitiva, unito ad un controllo sistematico del fenomeno oppure ad un incentivo rivolto agli esercizi pubblici per incentivare la pratica di non vendere bevande alcoliche ai minori.

 

Secondo il rapporto di Passi - Osservatorio della salute a cura del Provincia di Trento e dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari evidenzia inoltre come il 30% della popolazione trentina può essere considerato un consumatore di alcol a rischio in quanto assume alcol abitualmente in modo elevato (circa 4%) o prevalentemente fuori pasto (22%) o perchè è un bevitore binge (14%). I Trentini consumatori di alcol a maggior rischio sarebbero oltre 100.000, e sembra un'abitudine più frequente negli uomini e tra i ragazzi di età compresa fra 18 e 24 anni.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 16:08

Sono circa una cinquantina i depuratori sul territorio altoatesino e la Provincia ha scelto 9 impianti per questo monitoraggio tra dimensione, punto geografico e tipo di utenza e il territorio è stato diviso in altrettante sezioni: Bolzano, Termeno, Pontives, Media Venosta, Bressanone, Wipptal, Tobl-Brunico e Wasserfeld. Un progetto con il coordinamento dell'Istituto superiore di sanità

30 ottobre - 16:39

Chi arriva in Germania dal nostro Paese, dovrà sottoporsi a tampone oppure a quarantena. L'Austria potenzierà i controlli, anche con le autorità sanitarie, ai valichi di confine con Italia e Slovenia

30 ottobre - 13:09

L'assessore Widmann: "In due settimane la situazione è completamente cambiata. Si deve considerare che per ogni positivo in media ci sono tra i 20 e i 30 contatti: 350 infezioni significa circa 10 mila contatti e diventa necessario variare strategia perché è impossibile rintracciare tutti". L'ordinanza valida da sabato 31 ottobre

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato