Contenuto sponsorizzato

Morti due tredicenni in Valdaone

I due erano partiti nel pomeriggio per raggiungere una baita in quota, intorno ai 1.700 metri, per andare a scattare delle fotografie

soccorso
Pubblicato il - 04 agosto 2016 - 10:32

DAONE. Tragedia nei boschi della Val Daone dove nella notte sono stati ritrovati i corpi senza vita di Fabio Battocchi di Bersone e Federico Bugna di Daone. Entrambi tredicenni, avevano trascorso la giornata in quota e avrebbero dovuto passare la notte nella baita del nonno di uno di loro nella zona di malga Staboletto.

 

Prima di cena si sono allontanati per un'ultima escursione e non hanno più fatto ritorno. E' allora, secondo le prime informazioni, che i familiari hanno allertato i soccorsi, dopo avere tentato di cercarli nei dintorni. Soccorso alpino e volontari dei vigili del fuoco hanno cercato a monte dell'abitato di Daone e nella notte li hanno trovati, ormai senza vita. A settembre avrebbero dovuto iniziare la terza media.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 settembre - 05:01

Un'immagine registrata utilizzata per la campagna elettorale, tutto senza autorizzazione. Un caso che non è sfuggito alla proprietaria del "marchio", che è Cristina Fogazzi, conosciuta come l'Estetista cinica, che si è resa protagonista di un durissimo affondo contro Odilla Ponti candidata della Lega alle elezioni amministrative di Trento

22 settembre - 08:55

Per il governatore Veneto un risultato che nessun altro governatore aveva raggiunto. "E' una responsabilità grande che arriva da un voto dei veneti per il Veneto” ha spiegato

22 settembre - 08:09

Il ministro della Salute: "“Ho firmato una nuova ordinanza che estende l’obbligo di test molecolare o antigenico ai cittadini provenienti da Parigi e altre aree della Francia con significativa circolazione del virus. I dati europei non possono essere sottovalutati. L’Italia oggi sta meglio di altri Paesi, ma serve ancora grande prudenza per non vanificare i sacrifici fatti finora”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato