Contenuto sponsorizzato

Precipitano sul Sella: Matteo Giordani, 26 anni, perde la vita. Gravissimo l'amico

L'incidente è avvenuto ieri, i due stavano percorrendo la via Rizzi Tomasson quando Matteo ha perso l'appiglio  ed è precipitato nel vuoto. L'amico Andrea Battocletti è strato trascinato nella caduta ed ora si trova in rianimazione 

Una foto di Giordani in montagna (Fonte Fb)
Pubblicato il - 21 agosto 2017 - 09:14

CORVARA. Matteo Giordani, 26 anni di Bolzano, è morto ieri ai piedi del Dent de Mesdì sul Sella dopo essere caduto nel vuoto per una settantina di metri. Con lui, ad affrontare la via Rizzi Tomasson, c'era anche l'amico Andrea Battocletti rimasto gravemente ferito.

 

I due avevano raggiunto in mattinata la val Badia e dopo una camminata erano arrivati ai piedi del Dent de Mesdì. Stavano completando l'arrampicata e mancavano pochi metri alla vetta quando ad un certo punto Giordani, che si trovava davanti, ha perso l'appiglio, il suo peso ha strappato il chiodo conficcato nella roccia ed è caduto nel vuoto trascinando con sé l'amico.

 

La caduta di Matteo è terminata violentemente sulla roccia e l'impatto non gli ha lasciato scampo. Ferite gravissime anche per Andrea che, trascinato dall'amico, è caduto da un'altezza minore rimanendo poi privo di sensi.

 

A lanciare l'allarme sono stati altri due alpinisti che si trovavano sul posto e che immediatamente hanno chiamato i soccorsi. Nulla da fare purtroppo per Matteo Giordani mentre Andrea, ferito gravemente è stato portato all'ospedale di Bolzano dove si trova in rianimazione.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato