Contenuto sponsorizzato

Trentino, al via il nuovo anno scolastico. Rossi: "Un'attenzione particolare a chi arriva da lontano"

L'inizio dell'anno scolastico ha visto tutti gli assessori provinciali recarsi in diverse scuole della provincia. Il presidente Rossi ha ricordato anche le diecimila persone che per la scuola e dentro la scuola lavorano

Pubblicato il - 11 settembre 2017 - 13:39

TRENTO. Zaino in spalla e si ritorna sui banchi. Sono poco più di 70 mila gli studenti che oggi hanno iniziato il nuovo anno scolastico in Trentino. Per augurare il benvenuto in classe agli studenti il presidente della Provincia, Ugo Rossi, ha scelto la scuola elementare di Lodrone.

 

"Siamo venuti qui semplicemente per augurare un buon anno – ha spiegato Rossi - prima di tutto a voi e in modo particolare a chi inizia questa nuova avventura venendo dalla scuola infanzia: che sia un anno scolastico dove possiate passare il vostro tempo stando bene insieme, cercando di impegnarvi al massimo (sono sicuro che lo farete al meglio) e soprattutto mettendo a loro agio i vostri compagni, a cominciare da quelli più piccoli". Un augurio di inizio anno scolastico che è stato poi inviato anche a tutte le ragazze e ragazzi che anche in Trentino sono tornati oggi a scuola.

 

"La scuola può essere un luogo meraviglioso - ha detto il governatore - se ciascuno mette massimo impegno e si ricorda che possono esserci momenti in cui qualcuno attraversa difficoltà, ed è bello aiutarlo in questi momenti".

Rossi, nel suo ruolo di assessore all'istruzione, ha ricordato anche le diecimila persone che per la scuola e dentro la scuola lavorano. "Sono gli insegnanti, i collaboratori, il personale amministrativo, i dirigenti – ha continuato il presidente rivolgendosi agli studenti - tutti quelli che ogni giorno fanno il loro dovere e ci mettono tanta passione e molta capacità per cercare di dare a voi la possibilità di diventare sempre più autonomi, di diventare delle brave persone, dei bravi cittadini, imparando naturalmente tante cose che risulteranno importanti per la vostra vita".

 

L'applauso rivolto a tutti gli studenti trentini ha contenuto un pensiero a chi il Trentino lo ha conosciuto in un momento di grave bisogno. "Mandiamo insieme un saluto affettuoso - ha chiesto Rossi - ai bambini che anche quest'anno studieranno nella scuola, che forse qualcuno di voi avrà visto su giornali o in televisione, che il Trentino, attraverso l'impegno di tante persone tra cui i vigili del fuoco volontari che vediamo stamattina in quest'aula con le loro bellissime divise, ha costruito nelle zone dove c'è stato il terremoto. È una scuola molto bella e molto utilizzata e auguriamo ai nostri amici lontani un anno positivo".

 

Un ultimo augurio il governatore lo ha chiesto infine per "tutti quei bambini che arrivano nelle nostre scuole magari avendo viaggiato con i loro genitori, o essendo nati in italia da genitori che sono arrivati da lontano per vivere e lavorare nel nostro paese. Dobbiamo avere un'attenzione particolare nei loro confronti - ha detto Rossi - farli sentire a proprio agio come sapete fare voi (noi grandi dovremmo spesso copiare da voi come si fa) e quindi vi chiedo un ultimo aiuto. Un forte applauso per tutti quelli che lavorano per voi e per tutti i bambini che oggi iniziano la scuola".

 

A prendere parte all'inaugurazione dell'anno scolastico anche l'assessora Sara Ferrari che si è recata alle Scuole Medie Manzoni di Corso Buonarroti a Trento assieme alla dirigente Paola Pasqualin. "La scuola – ha affermato - deve sentire il bisogno di un'alleanza tra docenti e famiglie per offrire straordinarie occasioni di crescita ai nostri figli".

 

A parlare di binomio vincente tra scuola e turismo è stato invece l'assessore Michele Dallapiccola presente all'istituto “Ivo de Carneri di Civezzano”. “Scuola e turismo in Trentino – ha detto Dallapiccola ai ragazzi – rappresentano un binomio vincente. Mettendo insieme le possibilità che l’Autonomia ci concede dal punto di vista dell’organizzazione scolastica con quelle offerte dal territorio dal punto di vista turistico, possiamo davvero creare numerose nuove opportunità di lavoro per i nostri studenti”.

L'assessore Mauro Gilmozzi è intervenuto all'inaugurazione dell'anno scolastico all'Istituto Comprensivo Predazzo Tesero Panchià Ziano. “Siamo qui per testimoniare l'importanza che la Provincia autonoma assegna alla scuola – ha affermato parlando con gli studenti - fondamentale per la crescita delle comunità, tanto più in un mondo così complesso. Care bambini e bambini, ragazze e ragazzi che voi vogliate fare gli architetti o i cantanti, gli artigiani o i contadini, avere una forte base culturale è fondamentale per tutti. Studiare è un impegno, una fatica ma vi darà tante gratificazioni”.

A Rovereto presso l'istituto Don Milano ad inaugurare l'anno è stato invece l'assessore Alessandro Olivi che ha ricordato l'importanza della scuola per “apprendere nozioni ma anche per vivere integrazione e uguaglianza”.

 

All'istituto Martini di Mezzolombardo è arrivato l'assessore Luca Zeni che ha invitato gli studenti a “sfruttare l'importante offerta scolastica trentina”. Un invito ripreso anche dall'assessore Tiziano Mellarini si alle scuole di Brentonico "Siete qui – ha affermato rivolgendosi ai ragazzi - per gettate le basi del vostro futuro. La qualità della scuola trentina è un'opportunità da cogliere”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 19:08

Si sono conosciuti in piazza a Novara. Entrambi hanno perso lavoro e casa e poi sono partiti in treno per cercare qualche città dove iniziare una nuova vita assieme. Sono arrivati a Trento da circa un mese e mezzo. Non hanno soldi ed ora con l'arrivo del freddo hanno paura di non farcela

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 19:02

La società Autostrada del Brennero, in accordo con la polizia stradale, ha approntato per la nottata in arrivo delle misure cautelative per impedire gravi turbative alla circolazione dell'asse autostradale. Tra Mezzocorona ed Egna sarà possibile circolare solo su una corsia, evitando la creazione di disagi dovuti a mezzi pesanti in panne

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato