Contenuto sponsorizzato

Vandalismo alla Trento-Malè, vetri e specchi rotti

Era successo già in passato, ora al posto degli specchi una lastra di acciaio riflettente

Pubblicato il - 14 novembre 2016 - 10:32

TRENTO. "Sono gli studenti, ragazzini quasi tutti minorenni", afferma l'addetto delle pulizie che indica i danni che sabato scorso sono stati arrecati agli interni della stazione ferroviaria Trento-Malè. Il vetro della porta scorrevole che porta sui binari è incrinato, mentre nei bagni uno specchio non c'è più: "E' già stato tolto, l'hanno rotto in mille pezzi". 

 

"Non è la prima volta, anche in passato abbiamo subito questo tipo di atteggiamenti". Infatti nell'altro bagno lo specchio non sono riusciti a romperlo questa volta, è stato sostituito con una specchiera in acciaio nei mesi scorsi ed è quindi impossibile distruggerlo. "Cambieremo anche questo, che ci vuoi fare", dice sconsolato l'addetto. 

 

I bagni della stazione Trento-Malè sono aperti tutto il giorno, la sera fino all'ultima corsa dei mezzi. Entrano tutti, anche i senza dimora e non solo i passeggeri. E poi tutti gli studenti che alla fine delle lezioni si precipitano in massa. "C'è il bar aperto, ma questa volta non si è accorto di nulla". Un barista che svolge il suo lavoro un po' troppo distante dalla zona dove sono collocati i wc e che non può certo assumesi la responsabilità di controllare la sicurezza di tutta la stazione.

 

In bagno, anche l'adesivo del divieto di fumo è stato preso di mira e intaccato dalla fiamma di un accendino. "Qui non c'è mai nessuno - afferma un passeggero che si dirige verso la biglietteria - il barista e il bigliettaio. Mai visto nessun altro, la stazione è un deserto e tutti possono fare quello che vogliono".

 

La lastra di acciaio al posto dello specchio
La lastra di acciaio al posto dello specchio

 

Il bagno della stazione con lo specchio rimosso perché danneggiato
Il bagno della stazione con lo specchio rimosso perché danneggiato
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato