Contenuto sponsorizzato

Fantasia a ciclo continuo, Les Irreélls invitano tutti al Sociale

Oggi dalle 16 a tarda sera la "Festa del teatro" con la quale il Centro Santa Chiara saluta l'inizio di una nuova e ricca stagione artistica di prosa, musica, danza, cinema e  molto altro. Porte aperte allo spettacolo dei francesi Crèature con gli animali surreali che sapranno coinvolgere il pubblico di tutte le età

Pubblicato il - 20 ottobre 2017 - 20:42

TRENTO. Saranno anche quest’anno LES IRRÉELS, i personaggi fantastici e divertenti creati dagli originali artisti francesi della Compagnie Créature, ad animare la FESTA DEL TEATRO con la quale il Centro Servizi Culturali S. Chiara chiama a raccolta al “Sociale” un pubblico di tutte le età.

  Quella di oggi sabato, sarà una grande festa aperta a tutti, una sorta di “primo giorno di scuola” che intende salutare, dopo un’estate dello spettacolo vissuta prevalentemente negli spazi all’aperto, la riapertura delle sale teatrali e l’inizio di una nuova entusiasmante stagione artistica. Sono, infatti, ben 52 i titoli già in calendario a Trento nella programmazione 2017/2018, per un’offerta che passa dalla Prosa alla Danza, dal Teatro Ragazzi alla Musica nelle sue varie declinazioni.

 

 Nell’arco temporale che va dalla metà di ottobre ad aprile saranno, tenendo conto delle repliche, poco meno di cento rappresentazioni distribuite in quattro diversi Teatri: Sociale, Auditorium, Cuminetti e SanbàPolis. E a questo si devono aggiungere, nella programmazione del Centro S. Chiara, le venti proposte di spettacolo dal vivo in scena all’Auditorium “Melotti” di Rovereto e gli appuntamenti del Circuito regionale della Danza in vari centri delle provincie di Trento e Bolzano.

 
  Nella giornata di festa   il palcoscenico del “Sociale” sarà solo uno dei luoghi dove a partire dalle ore 16.00 e fino a sera LES IRRÉELS, esseri surreali caratterizzati dalle fantasiose sembianze animali, accompagneranno adulti e bambini in un viaggio curioso sulle ali della fantasia. (L'articolo segue dopo il video)

 

 
   In un accampamento di otto capanne, gli “Irreali” saranno protagonisti di uno spettacolo “a ciclo continuo”, installazione plastica di grande suggestione, dove la parola viene sostituita dalla poesia dell'immagine, con un contatto ravvicinato tra pubblico e spettatore.

   Nei vari ambienti ricreati negli spazi del Teatro Sociale, si snoderà un percorso immaginifico dove potremo incontrare la “cullatrice d’infanzia” che riporterà alla memoria la spensieratezza del nostro passato, la “riscaldatrice degli inverni” che coccola i nostri momenti di tristezza o la “rammendatrice di cuori” che medica le passioni ferite.

 

Troveremo anche un “sognatore di amici immaginari”; uno “sguattero delle passioni”, cuoco dell’entusiasmo le cui pozioni hanno il potere di farci amare ogni tipo di cosa; la “lavandaia dei dolori” che pulisce le nostre vite dal grigiore dei momenti difficili e il “pescatore di speranza” che ne prosegue l’opera invitandoci a guardare con fiducia al futuro. In questo mondo fantastico non potrà mancare la “ricamatrice d’amori” che fa nascere le storie del cuore e dalle cui mani sgorgano i romanzi che raccontano romantiche vicende di amore e passione.

 
   Nata nel 1991 dall’incontro di Michel Broquin e Odille Brisset, “Compagnie Creature” ha dato luogo nel corso degli anni a molti progetti di teatro di figura e marionette, affiancando in modo sempre originale e brillante le fiabe classiche ai racconti contemporanei e gettando sempre un occhio attento sulla realtà.
  Domani in occasione della FESTA DEL TEATRO il pubblico potrà accedere gratuitamente al “Sociale”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato