Contenuto sponsorizzato

Quegli anni di buio tra vittime e carnefici

Questa sera, venerdì 23, debutta al San Marco "Piombo" il lavoro che Massimo Lazzeri, che ne è anche protagonista, dedica agli avvenimenti che insanguinarono l'Italia degli anni Settanta. Monologhi, canzoni originali e fotografie in un collage che prova ad indagare illusioni, contraddizioni e devianze di un'epoca segnata da un profondo scontro sociale. Produzione del Teatro delle Quisquilie

Pubblicato il - 21 novembre 2018 - 09:05

TRENTO. Questa sera, venerdì 23 novembre “Il teatro delle quisquilie” porta al San Marco di Trento “Piombo”, uno spettacolo scritto e interpretato da Massimo Lazzeri. A rivivere sul palco saranno alcuni dei protagonisti degli avvenimenti che insanguinarono l’Italia negli anni Settanta. Vittime e carnefici, raccontati con una formula che alterna monologhi e canzoni originali a fotografie, telegiornali e filmati dell'epoca. Due le repliche: la mattina alle 11.00 per gli studenti delle scuole superiori, la sera alle 21.00 per tutta la cittadinanza.

 

 Gli anni di piombo furono violenti, spietati, spaventosi e incomprensibili. Si poteva morire per caso, a causa di una bomba, durante gli scontri di piazza o per mano di un gruppo armato. Una tragedia nazionale, una lunga “notte della Repubblica”, come li definì Sergio Zavoli, un incubo di sangue e paura piombato addosso ai cittadini e alle istituzioni del nostro Paese. Forse il periodo più tragico del nostro passato recente, contrassegnato da un livello di violenza e scontro sociale.

 

 “Piombo”, la nuova produzione de “Il teatro delle quisquilie”, racconta quegli anni attraverso alcune storie personali, storie delle vittime ma anche dei carnefici, rielaborate con un paziente lavoro di scrittura da Massimo Lazzeri per risultare teatralmente efficaci. Le vicende sono tutte raccontate in prima persona, senza mai nominare i protagonisti, ma con riferimenti puntuali ai fatti storici e al clima di quegli anni. Gli uomini e le donne che vedremo muoversi sul palco diventano in questo modo personaggi-simbolo, rappresentativi di un’intera società disorientata e sconvolta.

 

In un alternarsi di monologhi e canzoni, uniti a proiezioni di fotografie e spezzoni di telegiornali dell'epoca, vengono ripercorsi quelli che furono, per l'Italia, anni di grandi cambiamenti sociali e culturali. La scrittura di Massimo Lazzeri, autore e interprete dello spettacolo, ripercorre gli anni di piombo attraverso le voci e le storie di donne e uomini come tanti, con debolezze e paure, ma con una grande passione per la giustizia, per il proprio lavoro, per il bene comune. Familiari delle vittime del terrorismo, protagonisti, loro malgrado, di un periodo emblematico per la storia italiana.

Ma uno spazio verrà dato anche ai carnefici. Potranno usarlo per una sorta di “confessione”, in cui raccontano la propria storia, ripercorrono le vicende che li hanno portati a macchiarsi di quei terribili delitti e cercano, per quanto possibile, di spiegare le proprie ragioni. Grazie allo studio di testimonianze dirette e indirette, la drammaturgia propone un momento di riflessione e memoria collettiva che tende lo sguardo al futuro per una rinascita personale e sociale. La forza della memoria aiuta a ricordare, per agire con maggiore consapevolezza nel presente. Il teatro, qui inteso come spazio “altro” dalla vita quotidiana, è il luogo in cui la vicenda del singolo diventa un momento di comunicazione e condivisione.
 

 Lo spettacolo è impreziosito dalle canzoni originali composte Massimo Lazzeri, musica e parole scritte per dare voce alle emozioni e ai pensieri di chi visse la tragedia di quegli anni. Da ricordare il cammeo di Pippo Pollina, cantautore siciliano conosciutissimo in Germania, Austria e Svizzera, che presta la sua voce a un dialogo fra padre e figlio. “Piombo” andrà in scena venerdì 23 novembre in un doppio orario: la mattina alle 11.00 all’interno della stagione “La scuola va a teatro”, con una replica riservata agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado e dell’ultimo anno delle scuole secondarie di primo grado; la sera alle 21.00 con uno spettacolo aperto a tutta la cittadinanza.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 06:01

E questa emergenza Covid-19 ha portato in luce pregi e difetti della Dad. Una professoressa: "Stabilizzarsi tramite il concorso? In Trentino sembra che non sia possibile". La sindacalista Cinzia Mazzacca: "A rischio la continuità didattica in molte scuole della nostra provincia, un docente potrebbe trasferirsi in un altro territorio"

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato