Contenuto sponsorizzato

Tra Bolero, Silfidi e Uscite di Sicurezza

La stagione della danza in provincia approda domani a Cles con  una serie di performances della MM Contemporary Dance Conpany dove spiccano i movimenti ispirati alla celeberrima musica di Ravel. Il coreografo Merola indaga ballando i rapporti umani e quelli di coppia

Pubblicato il - 22 gennaio 2018 - 09:55

CLES. Si intitola «BOLERO SOIRÉE» e propone al pubblico una panoramica sui più riusciti allestimenti coreutici della MM Contemporary Dance Company. Sarà in scena domani  martedì 23 gennaio al  Teatro “Parrocchiale” di Cles nell’ambito della Stagione regionale della Danza   2017/2108 organizzata dal Centro Servizi Culturali S. Chiara.
        Fulcro dello spettacolo, che si compone di estratti da coreografie di grande successo attualmente nel repertorio della compagnia, sarà una suite del celeberrimo BOLERO, brano fra i più noti e ascoltati della storia della musica, firmata dal direttore artistico Michele Merola.

 

 Nel realizzare una nuova versione coreografica i questo brano – meccanismo a orologeria dalla rigorosa precisione – Merola si è confrontato con la musica ossessiva e ripetitiva di Maurice Ravel, cercando di comprenderne l’identità, la ragione e la funzione. L’ispirazione del coreografo si è focalizzata sul ventaglio inesauribile dei rapporti umani, in particolare quelli di coppia, dentro ai quali, spesso, registriamo le reciproche e inconciliabili distanze tra uomini e donne, quel “muro trasparente” che li divide. Bolero viene dunque raccontato come una non-storia, fantastica ma possibile, comunque pertinente al mondo reale: una sorta di astratta fiaba amara, allegoria del dolore di vivere e dell’incomprensione fra esseri umani.

 Su questa stessa musica è intervenuto il compositore Stefano Corrias creando una sua propria partitura musicale, liberamente ispirata al brano di Ravel, che si inserisce in tre diversi momenti  della coreografia. I tre frammenti sottolineano i momenti più intimi, e più veri, di ognuno di noi, quando siamo lontano dagli sguardi degli altri, e lontani dal rumore assordante del mondo.

  La suite di Bolero occuperà per intero la seconda parte dello spettacolo che si aprirà alle ore 21.00 con un estratto da PULCINELLA, una creazione di  Michele Merola su musiche di Stefano Corrias che vede il coreografo interrogarsi a fondo sul modo in cui questa maschera della Commedia dell’Arte italiana è rinata sulle scene del teatro di danza del Novecento.  
   Seguirà un estratto da LE SILFIDI, un classico del ballet blanc su partiture per pianoforte di Fryderyk Chopin, nel quale si cimenta il coreografo spagnolo Gustavo Ramirez Sansano contravvenendo alla tradizione e superando convenzioni, miti e luoghi comuni.

   Lo spettacolo in scena a Cles proseguirà con un estratto da USCITE DI SICUREZZA, una coreografia di Enrico Morelli di impostazione contemporanea su musiche di Ben Frost, dei Vex’d e di Max Richter che ci trasporta in un  mondo sotterraneo immerso nella nebbia e attraversato dalle veloci contrazioni dei corpi.

  Chiuderà la prima parte dello spettacolo un estratto da NARCISO, una coreografia di Michele Merola su musiche del compositore islandese Olafur Arnalds che trova nella dissacrazione il mezzo per descrivere il nostro rapporto con il mondo antico e con il mito.

 
        Impegnati nei cinque diversi momenti coreografici di cui si compone la serata, saranno in scena a Cles sette danzatori: Paolo Lauri (Bolero, Pulcinella, Narciso); Fabiana Lonardo (Bolero, Pulcinella, Uscite di sicurezza); Enrico Morelli (Bolero); Giovanni Napoli (Bolero, Le Silfidi); Nicola Stasi (Bolero, Uscite di sicurezza); Gloria Tombini (Bolero) e Lorenza Vicidomini (Bolero, Le Silfidi, Narciso).
        

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 18:30

Il Trentino chiede date certe al Governo e ribadisce la sua volontà di aprire gli impianti, ovviamente ai turisti prima che ai residenti. Intanto però oggi si contano altri 8 morti e il totale della seconda ondata sale a 257 mentre le persone in terapia intensiva restano 44 

01 dicembre - 19:16

Da oggi tutti i pazienti oncologici che hanno la necessità di sottoporsi alle sedute di chemioterapia, ma anche di ricevere supporto psicologico, devono recarsi al Santa Chiara. "Il tema sanità è sempre stato cavalcato delle varie forze politiche di governo e quando nel 2018 sentivo parlare di cambiamento mi chiedevo a che cosa si alludesse. Ora l’ho capito: cambiamento per la Giunta significa togliere servizi, significa risparmiare, significa tagliare, significa sanità Trento-centrica"

01 dicembre - 19:49

Sono 450 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 156 positivi a fronte dell'analisi di 2.026 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,7%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato