Contenuto sponsorizzato

Alì-Foreman, la boxe tra uomini e dei

Sabato 9 marzo, va in scena al Teatro di Meano lo spettacolo "La sfida" che racconta il combattimento tra i due grandi pugili che fu un evento planetario e il cui significato va oltre lo sport per parlare di America, società e riscatto. Protagonisti Mattia Fabris e Carlo Orlando che hanno lavorato grazie alla residenza offerta da Aria Teatro

Pubblicato il - 01 March 2019 - 19:49

TRENTO. Lo storico incontro di pugilato del 1974 tra Muhammad Ali e il campione dei pesi massimi George Foreman viene rivissuto attraverso lo spettacolo teatrale "La sfida" che verrà messo in scena domani, sabato 9 marzo 2019 alle ore 20.45 al Teatro di Meano. "La sfida" è liberamente tratto dal romanzo "Il combattimento" di Norman Mailer, con l'adattamento di Mattia Fabris e Carlo Orlando, verrà presentato al Teatro di Meano sabato 9 marzo 2019 alle ore 20.45.

 

 Il 30 Ottobre del 1974 è una data importante e memorabile per chi segue il pugilato: è la data dello scontro tra Muhammad Ali e George Foreman, due grandi campioni, due personalità opposte e uniche nel loro genere. Due modi, inoltre, profondamente diversi di intendere e perseguire il riscatto sociale dei neri d'America. Mattia Fabris e Carlo Orlando, interpreti dello spettacolo, ci raccontano della vicenda prendendo come riferimento un testimone d'eccezione:    Norman Mailer, gigante della letteratura americana. L'incontro è passato alla storia come l'evento più straordinario, tragico e commovente della storia della Boxe e il suo libro, Il combattimento, è il cuore drammaturgico e drammatico dello spettacolo. Un racconto appassionato, coinvolgente, iperbolico che trascende il soggetto e, raccontandoci di boxe, ci parla di uomini e di Dei.

 

 La sfida è uno spettacolo che va oltre il teatro di narrazione o il teatro di parola. È uno spettacolo molto dinamico, dove la parola si fa corpo e gesto e il racconto azione. Pochi sono gli elementi scenici che, attraverso il gioco della trasfigurazione, evocano gli spazi, le dimensioni, le relazioni del racconto. La sfida è uno spettacolo che porta con sé uno stile ricco di immagini che ricorda la potenza di Shakespeare per l'alternanza continua, quasi vertiginosa, di stili e toni: dal comico al tragico, dal volgare al lirico.

             

 A fare da contrappunto alla narrazione sono le musiche di Massimo Betti che rimandano ad atmosfere diverse: dal torrido blues degli Stati uniti d'America, al gospel e ai canti religiosi africani. Suonata come oggetto di scena, la chitarra fa contrappunto  anche con commenti sonori che amplificano, sottolineano e trasfigurano le immagini evocate dalle parole. Lo spettacolo andrà in scena dopo un periodo di residenza presso gli spazi gestiti da ariaTeatro. Una residenza fortemente voluta e appoggiata per la condivisione del progetto artistico e la collaborazione 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 maggio 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 maggio - 20:36
Trovati 71 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 60 guarigioni. Sono 859 i casi attivi sul territorio provinciale
Politica
12 maggio - 20:12
Bocciata la proposta di Futura per consentire di riaprire all’aperto anche ai circoli dell’associazionismo. Zanella: “Resta l’amarezza, la [...]
Politica
12 maggio - 19:44
La Provincia intende acquistare 2,8 milioni di quote di Itas Mutua. Sono emersi dubbi, in particolare da parte di Onda civica, Partito [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato