Contenuto sponsorizzato

Con le Feste Vigiliane tuffo nella storia e nella tradizione anche alla riscoperta dei castelli provinciali

Dalle 17 alle 21 questa sera in piazza Adamo d’Aragno infopoint per sapere di più sulle storiche fortezze che dominano le valli trentine

 

Di Pier Paolo Bonini (Liceo Prati) - 24 giugno 2019 - 18:09

TRENTO. Anche quest’anno in occasione delle feste Vigiliane si terrà nel centro storico l’evento “Vetrina dei Musei” con l’obbiettivo di promuovere e informare sui  musei principali trentini: il Muse, il Museo Retico, il museo di San Michele degli Usi e Costumi della Gente Trentina, Fondazione Museo Storico il museo del Buonconsiglio.

 

Dalle 17 alle 21 ci sarà uno stand informativo in piazza Adamo d’Arogno, e per quanto riguarda i cinque castelli trentini maggiori, il castello del Buonconsiglio, castel Thun, castel Beseno, castello di Stenico e castel Caldes, gli addetti, vestiti in abiti rinascimentali per la massima immedesimazione, accoglieranno turisti e cittadini, spiegando ciò che c’è da sapere sugli storici edifici, tutte le possibilità dei visitatori e molto altro.

 

“Al Buonconsiglio, che è il fulcro del circuito di castelli, verranno introdotte diverse novità – spiega Michele Prencipe, addetto all’ufficio stampa e promozione - c’è stato un rinnovamento di tutta la collezione permanente e dell’allestimento, sono state inaugurate due nuove sale, sala Cesare Battisti e la sala della gente trentina e inoltre verranno aperti un nuovo infopoint e un nuovo bookshop. Si è pensato anche ai non vedenti con un nuovo plastico in linguaggio Braille e anche ai disabili, con l’eliminazione di alcuni ostacoli nel giardino e con l’approvazione del progetto di un nuovo ascensore

 

Sotto la direzione di Laura dal Prà le strutture storiche ospitano inoltre numerose mostre, e tuttora ce ne sono due in corso e a brevissimo si darà il via ad un’altra.

 

A castel Caldes ci sarà fino al 3 novembre l’esposizione della collezione Cavallini Sgarbi, un percorso lungo quattro secoli dalla metà del Quattrocento scandito da ottanta opere, da Niccolò dell’Arca a Francesco Hayez. Gli orari sono dalle 10 alle 18 da martedì a domenica e tutti i venerdì di luglio e agosto dalle 10 alle 22.

 

A castel Thun fino al 27 ottobre avrà luogo “À la mode française. Stile, modelli e modiste per le contesse Thun”, incentrata su quel particolare settore della biblioteca Thun dedicato alle riviste di moda illustrate del XIX secolo, con orari 10-18 tutti i giorni tranne il lunedì.

 

Infine domani martedì 25 giugno verrà inaugurata la mostra di castel Stenico “Colori fluttuanti: la carta marmorizzata tra Oriente e Occidente” che racconta la storia della carta marmorizzata nei secoli, che andrà avanti fino al 29 settembre, anche questa dalle 10 alle 18 tranne il lunedì con ingresso gratuito.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 luglio - 07:59

Proviamo a smontare un po' di dubbi e perplessità sull'incredibile vicenda che riguarda la fuga dell'orso scappato nella notte tra domenica e lunedì dal recinto del Casteller superando recinti elettrificati e dandosi alla macchia senza radiocollare. Ieri, poi, è spuntata una foto di lui in Marzola dove non ci sono mai stati né orsi né lupi ma la realtà è spesso più incredibile della fantasia soprattutto se alla base c'è una figuraccia tanto grande

16 luglio - 22:30

Il plantigrado non avrebbe più vie di fuga e il ministro, che a poche ore dalla fuga ha diffidato la Provincia dall'abbatterlo, chiede nuovamente al presidente Maurizio Fugatti di non uccidere l'animale: "E' un animale braccato e riuscirete a prenderlo ma non sparate. Io mi sto attivando al massimo delle mie competenze per evitare un Daniza2"

16 luglio - 19:29

La settimana scorsa il vicepresidente della circoscrizione di Gardolo, il leghista della prima ora Pacifico Mottes, ha ufficializzato la sua uscita del partito. Il segretario Bisesti: "Per l'affetto sincero che provo per lui non commento". Malumori ci sarebbero però anche in altre zone del territorio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato