Contenuto sponsorizzato

I filarmonici compiono vent'anni, un concerto per festeggiare

L'orchestra "I filarmonici", diretta dal maestro Alessandro Arnoldo, compie vent'anni e per l'occasione festeggia con un concerto alla chiesa di San Francesco Saverio a Trento. L'appuntamento è fissato per domenica 9 giugno alle 18.30

Pubblicato il - 08 giugno 2019 - 12:57

TRENTO. L'orchestra "I filarmonici", diretta dal maestro Alessandro Arnoldo, compie vent'anni e per l'occasione festeggia con un concerto alla chiesa di San Francesco Saverio a Trento. L'appuntamento è fissato per domenica 9 giugno alle 18.30.

 

Fin dalla sua fondazione nel 1999, l'orchestra ha cercato di creare uno spazio dedicato ai cultori della musica e ai giovani musicisti diplomandi o diplomati, che desiderino bilanciare lo studio del repertorio e le pubbliche esecuzioni.

 

Su queste basi "I filarmonici" hanno stretto importanti collaborazioni artistiche con altre Associazioni e gruppi musicali, facendosi promotori di progetti culturali innovativi, finalizzati alla valorizzazione di giovani musicisti e delle energie creative ed artistiche presenti sul territorio.

Il programma della serata prevede, il Concerto n. 2 - Op.18 per pianoforte e orchestra di S. Rachmaninov, al pianoforte Daniele Lasta, classe 1999 (come l'orchestra), a seguire la Sinfonia n.6 - Op.68 “Pastorale” di L. van Beethoven.

 

Presentato a Mosca il 9 novembre 1901 con l'autore al pianoforte ed Alexandr Ziloti alla direzione il Concerto n. 2 per pianoforte e orchestra in do minore, dedicato allo psichiatra Nikolaij Dahl che lo ebbe in cura, rappresenta la prima opera matura di Rachmaninov. Pagina traboccante di un pathos tipicamente post-romantico, unisce ad una scrittura solistica ai limiti delle possibilità esecutive, una tematica di notevole espressività, ricca di enfasi e di scoperto lirismo, nel solco della migliore tradizione tchaikovskiana.

 

Il grande direttore d'orchestra Gianandrea Gavazzeni intravide nella Quarta Sinfonia di Beethoven “scene di città, mondo borghese e popolare del suo tempo” (Il suono è stanco).

 

Nella Sesta Sinfonia - “Pastorale”, abbiamo invece a che fare expressis verbis con i contadini, o quantomeno con ciò che del loro mondo appare a colui che arriva in campagna. “Mehr Ausdruck der Empfindung als Malerei”, cioè “Più espressione del sentimento che pittura”, questa la definizione che lo stesso compositore ha indicato, riferendosi alle sensazioni suscitate da certe circostanze, piuttosto che una pittura precisa di questo o quell'evento, tranne che per il quarto movimento, costituito da uno dei classici della musica a programma, temporale e tempesta.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 giugno - 14:04

Il mezzo era su Dro per intervenire per un malore venuto ad un escursionista sulla ferrata Che Guevara. Sul posto è stato subito mandato un altro mezzo mentre il Dauphin è atterrato in emergenza a Gaggiolo

20 giugno - 14:22

Il grande chef trentino si dedicherà a un altro progetto e così dal 17 luglio a guidare il ristorante della famiglia Lunelli ci sarà il ''miglior chef emergente d'Italia 2017''

20 giugno - 12:06

L'allarme è scattato intorno all'1 della notte tra mercoledì 19 e giovedì 20 giugno, quando i famigliari hanno allertato i soccorsi per il mancato rientro a casa della persona. Oltre 70 unità in azione, compreso le unità cinofile e elicottero

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato