Contenuto sponsorizzato

Se l'attrice anima la marionetta che la anima

Torna venerdì 11 la Bella Stagione del Portland a Piedicastello e sul palco arriva il pluripremiato "Talita Kum". Musica, atmosfere e movenze danno corpo al lavoro intenso di Valeria Sacco che indaga l'animo umano senza aver bisogno di parole per suggerire una storia fatta di espressione corporea a fantasia

Pubblicato il - 09 gennaio 2019 - 17:35

TRENTO. La Bella Stagione del teatro Portland ricomincia dall'inedito e dell'inconsueto, in perfetta linea con la proposta spesso fuori dagli schemi e dalle sicurezze  del piccolo ma vitalissino spazio a Piedicastello. Venerdì 11 sul palco arriverà uno spettacolo delicato e potentissimo, diverso da quelli che normalmente trovano spazio nella programmazione curata da Andrea Brunello.

 

 Il 2019 si apre con uno spettacolo di teatro di figura dove musica, atmosfera e movenze proprie del teatro danza omaggeranno l'animo umano. "Talita Kum" il titolo del pluripremiato spettacolo della compagnia Riserva Canini in collaborazione con Campsirago Residenza. Immaginato e creato da Marco Ferro e Valeria Sacco che sono della produzione rispettivamente anche regista e protagonista della piéce che si può anche raccontare quale immersione nel silenzio utile ad "auscultare" l'anima e l'inconscio: un passo verso l'interiorità e l'anima di ciascuno di noi, un gioco d'ombra senza parole dove esperessione corporea e "fantasmi inconsci" danno vita ad una favola nera visionaria incredibilmente conturbante.

 

 Dalle note di regia si legge: "Talita Kum nasce da una visione, complessa e insieme lineare, come lo sono certi sogni del pomeriggio. È uno spettacolo nato senza parole che nel silenzio ci ha suggerito una storia. E noi le abbiamo dato vita seguendo la rotta di un viaggio che assomiglia molto a una febbre, a un mancamento, a uno di quei momenti in cui le energie si esauriscono e si confondono dentro i nostri incomprensibili confini.

 Lo spettacolo ruota attorno a due figure: quella di una creatura coperta di nero, dalle fattezze umane, che abita un luogo notturno e interiore. E quella di una donna, immersa in un sonno profondo che si direbbe infinito. Poi, in un sentore d’allarme, la creatura nera emerge: ci sono delle tracce da seguire e delle voci, vicine e lontane, che si mescolano tra loro. Tra queste, una musica: è una musica che chiede di essere danzata, come il fluire incessante della vita."

 

 Altre note raccontano anche: "In scena un’attrice sola. Si ha la sensazione di assistere ad uno spettacolo con due interpreti, in realtà tutto accade grazie ad una sola persona. La marionetta anima l’attrice. O meglio, l’attrice anima la marionetta che la anima. E’ a partire da questa visione, e da tutto ciò che è capace di evocare, che lo spettacolo prende avvio. L’intenzione è di mettere il corpo umano nella condizione di essere creduto marionetta e di far credere marionetta ciò che è vivente: di far vivere al pubblico l’istante in cui la vita si manifesta, appare, comincia, o riprende.

 

 Durante lo spettacolo lentamente il gioco si rivela, l’illusione si dissolve, ma gli occhi dello spettatore continuano a vedere vivo quel che la ragione ha compreso essere marionetta. Ed esattamente questo è il nostro desiderio e la nostra scommessa: mettere la vita nella condizione di essere osservata nel suo esserci e non-esserci, nel suo fluire e nel suo mancare e, insieme allo spettatore, vivere questo mutare grazie al potere illusionistico e artigianale degli strumenti del teatro di figura. Una tecnica innovativa di manipolazione, dunque, al servizio di una volontà poetica e di una narrazione."

 

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 gennaio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 gennaio - 05:01

Il governatore del Trentino intende incontrare il ministro pentastellato, che aveva impugnato il ddl lupo della precedente giunta provinciale, per avviare un confronto e risolvere le criticità. Dorfmann: "Dicotomia tra le aree di montagna e le zone rurali da un lato contro le popolazioni metropolitane dal maggior peso elettorale e che non comprendono le nostre difficoltà dall'altro"

18 gennaio - 12:44

Previste simulazioni nazionali per i primi due scritti. Si inizia a febbraio, secondo test a marzo e aprile. Il colloquio orale rimane pluridisciplinare

18 gennaio - 11:57

Entrambe sono state trasportate all'ospedale Santa Chiara fortunatamente con ferite lievi. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato