Contenuto sponsorizzato

Wolf Bukowski al Centro sociale Bruno per presentare il suo ultimo libro 'La buona educazione degli oppressi'

Lo scrittore bolognese sarà questa sera al Centro sociale Bruno per presentare il suo ultimo libro: "Una spietata analisi per smontare la retorica securitaria che sacrifica i diritti in nome del decoro"

Di Tiziano Grottolo - 19 giugno 2019 - 16:37

TRENTO. Questa sera al Centro sociale Bruno arriva lo scrittore, già collaboratore della rivista Internazionale e guest blogger del sito dei WuMing Giap, Wolf Bukowski. Lo scrittore bolognese sarà in città, alle 20:30, per presentare il suo ultimo libro 'La buona educazione degli oppressi - Piccola storia del decoro'.

 

Partendo dalla tolleranza zero promossa da sindaco di New York, Rudolph Giuliani, e passando per la teoria delle 'finestre rotte', si affronterà il tema del 'degrado' in rapporto alla sicurezza e del peso sempre maggiore che questi argomenti acquistano nel dibattito politico. Tema questo, affrontato più volte da Bukowski anche per conto della rivista Internazionale (QUI e QUI)

 

"È in corso da anni una guerra, combattuta tra le strade delle città, contro poveri, migranti, movimenti di protesta e marginalità sociali – scrive Bukowski nel libro – le sue armi sono decoro e sicurezza, categorie diventate centrali nella politica ma fatte della sostanza di cui son fatti i miti". Il risultato di questa retorica – spiega sempre l'autore – è quello di produrre misure repressive per instillare paure e senso di minaccia nella popolazione in un circolo vizioso che si autoalimenta.

 

E allora come non pensare a tutto quell'insieme di provvedimenti come i daspo, le camminate per la sicurezza del quartiere, o le ronde dei cittadini, la cui necessità è smentita nei fatti dai dati che registrano un calo dei reati. Basterebbero quindi questi presupposti per smontare questa retorica, ma il condizionale è d'obbligo, dal momento che all'interno delle nostre comunità la percezione è arrivata a contare più dei fatti stessi. "Un vero e proprio abisso – secondo Bukowski - in cui, nel nome del decoro e di una versione pervertita della sicurezza, ci sono fioriere che contano come, e forse più, delle vite umane".

 

Alla luce di queste considerazioni i militanti del centro sociale ci tengono a sottolineare come non sia un caso che lo stesso Bruno sia stato recentemente colpito da un provvedimento ispirato alla riqualificazione del quartiere, nel senso del decoro.

 

Bukowski prima di quest'opera ha già pubblicato: 'Il grano e la malerba' (Ortica, 2012) e per la collana Quinto Tipo delle Edizioni Alegre i libri 'La danza delle mozzarelle. Slow food, Eataly, Coop e la loro narrazione' e 'La santa crociata del porco'.

 

Appuntamento quindi al Centro sociale Bruno, già alle 19:30 per chi volesse approfittare del buffet preparato dalla BiOsteria alla cuoca rossa da Clara, la presentazione del libro invece inizierà alle 20:30. 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 05:28

In Calabria partita facile per Jole Santelli di Forza Italia che è stata eletta governatrice. Zingaretti: "Un immenso grazie al movimento delle Sardine che sono riuscite a dare una scossa democratica importante respingendo l'aggressività della destra estremista e la cultura dell'odio"

26 gennaio - 20:04

Mentre il Giorno della memoria s'avvicina, il Comune di Verona ha ben pensato di conferire la cittadinanza onoraria a Liliana Segre e di dedicare contemporaneamente una via a Giorgio Almirante, storico leader dell'Msi e capo redazione de "La difesa della razza". Antisemita, razzista e collaborazionista, fu figura di raccordo tra l'estrema destra eversiva e le istituzioni deviate durante lo stragismo. Impedirne l'ingresso nell'odonomastica è un dovere civico

26 gennaio - 20:14

La "forza gentile" degli ambientalisti, in Lessinia sfilano oltre 10mila persone, ma il firmatario del ddl Valdegamberi accusa: “Atto di arroganza pubblica del peggiore ambientalismo da salotto”. La consigliera regionale Guarda: “Abbiamo mandato un messaggio forte, ora le istituzioni dovranno tenerne conto, da parte nostra chiediamo il ritiro di questa proposta di legge”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato