Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, tutto chiuso, anche i teatri? Allora lo spettacoli è a domicilio: su Facebook alle 16 si alza il sipario

Bella iniziativa di Lazzeri e della sua squadra del San Marco che per venire incontro alle famiglie avvia da sabato (e domenica) una programmazione che i bambini potranno godere su Pc, tablet, cellulare e Smart Tv. Basterà collegarsi alle 16. E si lavora anche alla lettura delle favole con alcuni attori dei teatri professionali trentini

Di Carmine Ragozzino - 12 marzo 2020 - 17:45

TRENTO. È dura. È dura per gli adulti. È dura per i ragazzi. E' doppiamente dura per madri e padri, nonne e nonni, che in tempi di virus, isolamento e incertezza devono sbarcare il loro inquieto lunario dell’emergenza provando a non far pesare sui figli più piccoli la pesante situazione. Chi fa arte, teatro, cultura pensando anche ai bambini questa volta l’ha pensata davvero bene. E chissà che non apra una strada da percorrere anche per altre realtà della proposta di spettacolo in Trentino. Tutte realtà bloccate dallo stop alle attività con mille e mille problemi da affrontare di qui a chissà quando.

 

 La bella pensata è quella di Massimo Lazzeri, Daniele Santulliana e di chi ruota attorno al lavoro del teatro San Marco. Un teatro che la gestione di Lazzeri ha portato negli anni a diventare uno dei punti di riferimento della programmazione di prosa per l’infanzia. Ebbene, se le famiglie per un po’ non potranno animare di curiosità e vociare imprevisto il teatro come luogo fisico, il teatro andrà a domicilio. Lo farà attraverso Facebook con una programmazione “dedicata”, (a bambini e famiglie), che prenderà il via sabato 14 alle 16.

 

“Per noi che di mestiere facciamo ridere e sognare le persone - dice l'attore e regista Lazzeri - non c’è nulla di più triste che vedere un teatro vuoto e un sipario abbassato. In questi giorni di grande preoccupazione, in particolare, abbiamo a cuore la serenità dei tanti bambini e delle tante bambine che da anni frequentano con entusiasmo le nostre attività”. Di qui l'idea, ma forse perfino un obbligo, di "continuare a fare il nostro mestiere con mezzi nuovi".

 

 Basterà dunque collegarsi a Facebook e le famiglie potranno proporre ai loro bambini alcune delle rappresentazioni che nelle stagioni del San Marco sono andate per la maggiore, raccogliendo l'entusiasmo ma anche i commenti a voce alta dei piccoli spettatori. La differenza tra il "teatro ragazzi" e quello per le fasce più alte di età sta nel fatto che nel primo non ci sono troppi freni inibitori, tanto che la presenza attiva dei bambini fa spettacolo nello spettacolo. A tutta interazione. Questa interazione il "Teatro delle Quisquilie", la sezione di produzione per ragazzi del San Marco, si cercherò di portarla anche sul web.

 

 Per 3 fine settimana, ogni sabato e ogni domenica, saranno proposti sulla  pagina Facebook alcuni dei titoli più celebri prodotti e messi in scena nel corso degli anni sul palco del San Marco da "Il teatro delle quisquilie".

Si comincia sabato con “Nella vecchia fattoria” e domenica 15 con “La vecchia fattoria va in città”. Si prosegue sabato 21 con “Piantala, Emma!” e domenica 22 con “Piratesse”. E ancora, sabato 28 con “Le sorellastre” e domenica 29 con “Fiabe africane. Il ritorno di Blimundo”. Tutti i filmati sono produzioni di Telepace Trento.

 Gli spettacoli verranno proposti alle 16.00 “in prima visione Facebook”, una modalità che permette la condivisione dell’esperienza con tutti gli utenti che sono collegati in quel momento. Il pubblico può anche commentare in diretta, proprio come fanno i piccoli spettatori in sala durante le rappresentazioni. I video, che rimarranno a disposizione del pubblico sulla pagina Facebook, possono essere visti su smartphone, PC, tablet, ma anche su smart TV o tramite dispositivo Chromecast.

Per chi volesse contribuire alle nostre attività e permetterci di fare sempre cose nuove, è attiva sulla piattaforma Starteed la campagna di crowdfunding per realizzare l’audio-CD dello spettacolo “Un nido color fucsia”. Basta una piccola donazione per ricevere le nostre ricompense: biglietti per il teatro, disegni originali e addirittura una cena con noi sul palco del San Marco. Gli spettacoli sono visibili su https://www.facebook.com/teatro.sanmarco/.

Link alla campagna di crowdfunding: https://unnidocolorfucsia.starteed.eu/.

 

 Ma la voglia di Lazzeri di usare la cultura come servizio in questo periodo gramo non si ferma alla riproposizione degli spettacoli registrati. Si sta lavorando, infatti, alla proposta di una serie di letture di fiabe che saranno lette oltre che da Lazzeri anche da altri attori del teatro professionale cittadino. E sarebbe interessante che il progetto potesse ampliarsi ai teatri che oggi sono sottoposti a stop forzato, con la "messa in onda" di alcuni pezzi dei loro lavori.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato