Contenuto sponsorizzato

Da Casa Serena (nel reparto Covid) alla finale del premio De André, Veronica: "A casa ho tanta carta. A volte esce un disegno, a volte una poesia"

Veronica Ferrari di lavoro fa l’educatrice di disabili gravi a Nuova Casa Serena, e gli ultimi 2 mesi ha lavorato nel reparto Covid. Con le sue 2 poesie, è entrata tra i 12 finalisti del prestigioso premio Fabrizio De André. "Sono davvero entusiasta. Non so poi come andrà, ma già essere arrivata fin qui per me è una soddisfazione enorme”

Di Lucia Brunello - 25 dicembre 2020 - 17:53

CALCERANICA AL LAGO. Fabrizio De André è ricordato da tutti come cantautore, ma chi è realmente entrato con il cuore e con lo spirito nei testi delle sue canzoni, lo definisce prima di tutto un poeta. Tra questi, la trentina di Calceranica al Lago, Veronica Ferrari, appassionata di De André da quando aveva 15 anni. Oggi, alla soglia dei 50, il sentimento non è mutato, ma anzi, è certamente cresciuto.

 

A casa di Veronica, tra gli scaffali e i libri del poeta cantautore, ci sono anche delle poesie scritte da lei. Intime, per se stessa e per evadere dalla realtà, ma che un giorno, quasi per caso, sono state spedite nella casella di posta che raccoglie tutti gli elaborati del partecipanti al prestigioso premio Fabrizio De André, ormai giunto alla sua 19esima edizione.

 

Le categorie del premio sono tre: “musica”, “pittura” e “poesia” e i partecipanti totali ben 1.800 da tutta Italia. Il 22 dicembre sono stati proclamati i nomi dei 12 finalisti per le migliori poesie. Tra questi, quello della nostra trentina. “Ho fatto leggere alcuni miei scritti ad un amico, e ne è rimasto molto colpito. Lo stesso ho giorno ho visto la pubblicità di partecipazione al premio”, spiega a ilDolomiti.it. “Sono davvero entusiasta. Non so poi come andrà, ma già essere arrivata fin qui per me è una soddisfazione enorme”.

 

Veronica di lavoro fa l’educatrice di disabili gravi a Nuova Casa Serena, e gli ultimi 2 mesi ha lavorato nel reparto Covid. In tutto questo, a rappresentare una finestra di respiro, la sua passione per l'arte in tutte le sue forme. “Non ho mai pubblicato niente. Io ho fatto l’istituto d’arte, e disegnare e scrivere per me rappresenta un momenti estraniamento dalla realtà pesante che vivo sul lavoro. A casa ho tanta carta e a volte esce un disegno, a volte una poesia”.

 

La trentina ha partecipato al premio con 2 poesie. “Una è una critica sociale al mondo del lavoro, che parte dalla situazione dei minatori e che arriva ai lavoratori di oggi. La seconda poesia invece è più personale e intima, e ripercorre la mia giovinezza”.

 

Il premio è patrocinato dalla fondazione ufficiale di Fabrizio De André, gestita da Dori Ghezzi, sua moglie, compagna di una vita e incredibile artista. Il 14 gennaio 2021 ci sarà la proclamazione dei vincitori. “Il premio ricerca uno stile innovativo che vada contro la moda del momento, come è stato sempre Fabrizio. Ghezzi ha voluto dare vita a questo progetto pensando principalmente ai giovani, per spronarli ad essere sempre originali e loro stessi”.

 

E dopo quasi 35 anni di amore e passione incondizionata per De André come persona e come artista, ora questa soddisfazione che rappresenta un qualcosa in più. “Io credo che un artista abbia anche una responsabilità sociale, perché i suoi messaggi sono in vista e pronunciati ad alta voce. Fabrizio manca moltissimo, specialmente come intellettuale. Perché a prescindere dai gusti musicali, i messaggi che trasmetteva erano innegabilmente forti ed integri. Oggi sentiamo la mancanza di una figura così”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 11:04

L’uomo non è l’unico essere vivente a intrecciare relazioni con le altre specie, per esempio corvi e lupi possono collaborare fra loro con gli uccelli che indicano ai carnivori la presenza di prede o carcasse. Ma non solo perché alcuni corvi sono stati visti giocare con i cuccioli del branco

20 gennaio - 11:18

Nel 2020 Admo Trentino è riuscita ad avere 666 nuovi iscritti arrivando, in totale, ad averne circa 10600. Un leggerissimo calo rispetto gli anni scorsi ma ben lontano dal decremento del 40% che si è registrato a livello nazionale. Sono state finanziate diverse borse di studio e diversi progetti. La presidente: "Abbiamo avuto la fortuna di avere 12 donatori trentini"​

20 gennaio - 05:01

La vicenda legata alla chiusura del quotidiano di via Sanseverino resta molto complicata: i giornalisti non sono in cassa integrazione perché non funziona come nel 1800 che il padrone chiude e buona notte. Gli abbonamenti sono stati convertiti con quelli del giornale fino a ieri concorrente senza possibilità di rimborso e non si capisce chi sia il direttore del sito (che Ebner e la proprietà altoatesina hanno detto di voler rilanciare) visto che intanto vi lavorano persone dell'Adige, dell'Alto Adige e un fortunato ex del Trentino

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato