Contenuto sponsorizzato

Al Muse giornata "Smart" con visite gratuite e mostra sull'estinzione

Oggi alle 11.30 saranno presentate tutte le sue tecnologie installate all'interno del museo per migliorare l'esperienza del visitatore e sarà una giornata ricca di eventi dove si pagherà solo l'ingresso

Una delle opere sull'estinzione di Brunivio Buttarelli (Foto Matteo De Stefano)
Pubblicato il - 10 settembre 2016 - 22:26

TRENTO. Domenica all'insegna della tecnologia e dell'interazione quella di oggi al Muse. Nell’ambito della Sezione divulgativa: Smart City for Smart Citizens, alle 11.30,  verrà sviluppato "Il lato Smart del Muse", introduzione generale a cura Michele Lanzinger, Samuela Caliari e Davide Dalpiaz sulla tecnologia installata all'interno del Museo, l’App di morphing facciale prodotta per la mostra “Estinzioni”, le videoguide del Muse, il Maxi Ooh!

 

E sarà visibile anche la mostra personale dell'artista Brunivo Buttarelli inaugurata ieri. L’iniziativa si colloca all’interno del progetto “MUSE en plein air”, progetto che porta negli spazi verdi del Quartiere Le Albere disegnato da Renzo Piano le esperienze di artisti che si sono misurati con il linguaggio scultoreo.  Grandi sculture zoomorfe, ungulati, enormi pungiglioni, proboscidi lignee coperte dal ferro, carcasse che emergono dall’acqua o dalla terra, dettagli anatomici realizzati con rigore che si ingigantiscono e diventano architettura paleontologica: le numerose opere che trovano spazio attorno al Muse e nel quartiere Le Albere si legano ai temi affrontati dall’esposizione del Museo delle Scienze, che si sofferma sui grandi periodi delle estinzioni di massa e la responsabilità dell’uomo nei confronti della vita degli altri esseri viventi, oltre che sulla sopravvivenza della sua stessa specie. 

 

E oggi, come detto sarà una giornata speciale. Solo l'ingresso sarà a pagamento mentre tutte le attività saranno gratuite. Alle tradizionali visite guidate al museo dedicate alla nuova mostra “Estinzioni” – l’esposizione che parla di catastrofi e grandi sfide, ma anche di fortune e successi, in un dialogo a più voci tra scienza e società - si affiancano speciali proposte di visita sul tema “Forma, materia ed energia” e “Storia ed evoluzione della vita”.

 

E il Muse aggiunge alle abituali visite guidate dedicate ai diversamente abili (non vedenti e non udenti) - sempre attive e focalizzate sui contenuti dei diversi piani dell’edificio – due ulteriori possibilità di visite guidate, rispettivamente alla serra tropicale e al piano dedicato alla nascita della vita sulla Terra. Tutte le visite per il pubblico con abilità diverse sono su prenotazione.

 

Presso la grande sfera interattiva della Noaa, che racconta e approfondisce in modo scenografico e attraverso coinvolgenti esperimenti interattivi i temi legati alla sostenibilità ambientale, si terranno alcuni interventi di specialisti dedicati alla vastità delle comunicazioni su scala mondiale e alle complesse relazioni tra i nostri oceani e il clima. Spazio ai creativi e a chi non ha paura di mettersi in gioco, nel vicino FabLab, dove nel corso del corso pomeriggio, sarà possibile partecipare a Tinker FUN, I – mekk, attività che  stimola le capacità manuali e creative, tramite realizzazioni e costruzioni tridimensionali. Il materiale usato, progettato ad hoc al computer e prodotto con una macchina  per il taglio laser sarà continuamente incrementato dai suggerimenti dei partecipanti, con l’idea di condividere i risultati con i fruitori successivi.

Per i più piccoli, all’interno del Maxi Ooh! - lo spazio esclusivo ideato e progettato per bambini da 0 a 5 anni per permettere loro di interagire in modo sensoriale ed esperienziale con gli adulti - si svolgeranno alcune microattività legate al senso del tatto.

 

All’esterno dell’edificio, presso gli Orti del MUSE, allestiti con la mostra Tutti i legumi del mondo in occasione dell’Anno Internazionale dei legumi proclamato dalla Fao per il 2016, verranno proposte le attività Picnic nell’orto, Sportello Legumi e Gli aromi dell’orto per condurre i partecipanti alla scoperta delle caratteristiche nutrizionali e dei mille utilizzi possibili di questi preziosi semi.

 

Sempre nel parco del Muse, sarà infine possibile partecipare al progetto di opera d’arte collettiva “Green Pulse”,  sviluppata nell’ambito del Progetto Futura Trento, in collaborazione con il Comune di Trento con l’obiettivo di promuovere l’attivazione dei giovani e le loro potenzialità. Progettata da Annalisa Lenzi, Federico Seppi e Tobia Zambotti,  con Flavia Decarli, Green Pulse valorizza attraverso la sua composizione il ruolo del legume inteso come nutrimento per un futuro sostenibile.

Tutte le attività proposte al MUSE in occasione della Trento Smart city week sono gratuite, l’ingresso al museo è a pagamento.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato