Contenuto sponsorizzato

Enogastronomia e gusto alle Vigiliane, l'Osteria del viandante si sposta in piazza S. Maria Maggiore

Tante le iniziative in S. Maria Maggiore in occasione delle festività legate al patrono tra musica e spazio al buio

Di Luca Andreazza - 19 giugno 2017 - 13:21

TRENTO. Il Centro servizi culturali Santa Chiara lavora a spron battuto per definire gli ultimi dettagli delle Feste Vigiliane, prima di alzare il sipario, giovedì prossimo, sulla trentaquattresima edizione della kermesse legata al patrono di Trento.

 

Tante le novità e altrettante le conferme, tra le quali spicca l'Osteria del viandante: il classico appuntamento per assaggiare in compagnia e tra amici piatti tipici della tradizione trentina preparati con i prodotti del nostro territorio.

 

L'esperienza gastronomica targata Prime Rose di Levico spazia dal dolce al salato in pieno rispetto delle intolleranze, ma se questa iniziativa è confermata, la novità riguarda invece la nuova location: si passa da piazza d'Arogno alla suggestiva piazza S. Maria Maggiore.

 

"Siamo contenti - spiega Emanuela Bettucchi, titolare delle Prime Rose - non vediamo l'ora di misurarci ancora una volta durante la kermesse: noi e tutti gli altri partner siamo motivi per cercare di contribuire al successo delle Feste Vigiliane e poter aiutare a vivere questa piazza, così bella e che tante attenzioni riceve dall'amministrazione comunale".

 

L'Osteria del viandante sarà operativa tutti i giorni dalle 18 alle 23, mentre sabato in occasione della 'Magica Notte' l'orario si allunga fino all'una. 

 

"Il nuovo spazio - dice Bettucchi - è stato confermato solo il 5 giugno, ma ci siamo immediatamente messi all'opera per arrivare pronti all'appuntamento: l'esperienza non ci manca, la logistica è simile e le metrature sono uguali rispetto a piazza d'Arogno (circa 200 posti a sedere): la qualità delle nostre proposte non cambia rispetto alle edizioni precedenti". 

 

Il menù spazia dalle lasagnette alle verdure bio della Val di Gresta alle caserecce al ragù e canederli al burro fuso, oppure con fonduta di Vezzena dop o con gulasch, quindi stinco di maiale con polenta storese, la pasta di luganega e tosela del Primiero, ma anche la scottata di carne salada e il Gulasch di manzo con polenta e la guancia di manzo brasata al Teroldego, insalata di cappuccio e polenta storese e mezzano, senza dimenticare affettati e formaggi delle valli trentine

 

Il programma in Santa Maria Maggiore si annuncia ricco e sono diversi gli eventi messi in campo dalla macchina organizzativa per dare lustro alla riqualificata piazza, iniziando dal 'Dark on the road' per provare l’esperienza del buio e conoscere la disabilità visiva con i suoi limiti, ma anche con le sue risorse: degustazioni guidate e assaggi di prodotti locali per un viaggio verso nuovi orizzonti sensoriali dove ascolto, incontro e arricchimento non hanno bisogno della vista. 

 

Ma anche la musica sarà protagonista in piazza, dai musici dello zampognaro lagaro a Francy Fugatti e Alessandro Toracchio, da Sasouba al Choro quartetto Abobora collettivo, si spazia tra le sonorità rinascimentali, africane e brasiliane per finire con quelle italiane e internazionali.

 

"Siamo molto motivati - conclude Bettucchi - per partecipare anche noi al processo per riprendersi la vivibilità della piazza: se questo format si conferma di successo, iniziative simili possono essere riproposte nel corso dell'anno".

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 20:21

Sono 204 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 36 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 85 i Comuni che presentano almeno una nuova positività

25 febbraio - 20:46

L'allerta è stata lanciata intorno alle 19 sotto il rifugio Marchetti. La macchina dei soccorsi è entrata subito in azione per il timore che potessero esserci persone travolte e sommerse dalla neve

25 febbraio - 19:34

L'allerta è scattata intorno alle 18.30 di oggi nella zona del lago Pudro a Madrano. Un'area di circa 13 ettari, occupata per la maggior parte da una torbiera e situata a circa 1 chilometro da Pergine. In azione la macchina dei soccorsi

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato