Contenuto sponsorizzato

Feste Vigiliane, la polenta è dei Ciusi

Per il secondo anno consecutivo i Ciusi mettono le mani sull'ambita polenta, la difesa dei Gobj nulla può nell'assalto finale.  E' la quindicesima vittoria per i feltrini, ma i trentini guidano la classifica a quota diciotto affermazioni

Di Luca Andreazza - 26 giugno 2017 - 22:29

TRENTO. Per il secondo anno consecutivo i Ciusi mettono le mani sull'ambita polenta, la difesa dei Gobj nulla può nell'assalto finale. Questo il risultato della disfida nella splendida cornice di piazza Fiera che ha visto i feltrini irrompere nel cerchio protetto dai trentini e aggiudicarsi il paiolo. E' la quindicesima vittoria per i Ciusi, ma i Gobj guidano la classifica a quota diciotto affermazioni.

 

Un finale ancora una volta spettacolare per le Feste Vigiliane che anche quest’anno sono riuscite a rendere frizzante e unico il centro storico di Trento, dopo una mattinata dedicata alle celebrazioni in onore di San Vigilio.

 

Appuntamento clou dell’ultimo giorno della kermesse, come ogni anno, è quello dell'attesissima Mascherada dei Ciusi e dei Gobj, prima di assistere alle luci e ai colori dei fuochi d'artificio da Maso Mirabel.

 

La contesa rappresenta la rievocazione storica di un episodio accaduto nel VI secolo, successivamente ripreso e rappresentato in modi e forme diverse fino alla metà del XIX secolo. Dimenticata per oltre un secolo la Mascherada è stata rilanciata dal Comune di Trento dal 1984 con la collaborazione della 'Confraternita dei Ciusi e dei Gobj', gruppo folkloristico costituitosi autonomamente nel marzo 1989 (Qui articolo).

 

Le mosse prendono il via dopo l’accensione del paiolo dall’arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, e dalle prime sfide: i Ciusi si aggiudicano la prova di 'tiro alla fune', mentre i Gobj quella della corsa con sacchi. Un pareggio e nessun vantaggio.


Le squadre si dispongono quindi nel centro della piazza per la conquista degli 'avvantaggi' e decidere il tempo dell'assalto finale, la contesa è incerta e equilibrata, ma i Ciusi sono più brillanti e l'ultimo attacco, quello decisivo, dura ben 50 secondi

 

In attesa del gran finale, i contendenti rifiatano e sullo sfondo prima ci si immerge nella storia della disfida attraverso le bellissime immagini di Dino e Daniele Panato e poi l'abile conduzione di Gabriele Biancardi e Mattia Eccheli, il duo Clerici Vagantes chiamano il pubblico alla 'ola' accompagnati dal Corpo musicale città di Trento.  


Ma è tempo di riprendere la disfida, il tifo si infiamma sulle tribune, il pubblico rumoreggia, i Gobj formano il classico cerchio a difesa del paiolo, protetto in questo caso anche dalla strozzere, armate di grandi ramazze per difendere la polenta dagli assalti. I Ciusi, in fila indiana a gruppetti di cinque, sferrano l'attacco per spezzare la catena degli avversari e rompere il cerchio: in circa trenta secondi i feltrini irrompono e raggiungono la polenta per la festa finale.

 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato