Contenuto sponsorizzato

La carica dei 1.000 per la Marcia dell'Uva. Miglior carro allegorico per gli Sprizoni

Si è chiusa la cinquantanovesima Festa dell'Uva, kermesse che esalta la tradizione, il vino e la vendemmia in Valle di Cembra. Pellegrini (presidente Pro Loco): "La miglior edizione di sempre"

La Festa dell'Uva (foto di Carlo Fedrizzi)
Pubblicato il - 26 settembre 2016 - 19:44

VERLA DI GIOVO. La cinquantanovesima edizione della Festa dell'Uva è in archivio. L'appuntamento dedicato al vino e alla vendemmia in Val di Cembra si svolge dal 1958 e il suo cuore è il legame fra tradizione, specificità del territorio vitivinicolo e intrattenimento grazie al programma di appuntamenti che prevede spettacoli di teatro, visite guidate alle caneve, musica e il palio dei congiai.

 

 “Abbiamo sempre avuto ottima partecipazione di pubblico, ma quest'anno ci siamo superati. Per tutti e tre i giorni il flusso di visitatori è stato costante”, il giudizio più che positivo di Cesare Pellegrini, presidente della Pro Loco di Giovo.

 

Il momento clou della festa è stato la grande sfilata dei carri allegorici, vinta dal “Il ticchettio della vite” del gruppo Sprizoni, davanti a “La caneva” degli Apik. Chiude il podio il carro “Social Valley”. Un momento di reinterpretazione in modo estremamente fantasioso del tema dell'uva e del vino.

 

Quasi mille i partecipanti alla Marcia dell'Uva, corsa campestre non competitiva pensata per valorizzare il paesaggio della val di Cembra, mentre non sono mancate tante proposte oltre il vino per valorizzare un territorio sfaccettato, dalla Gibostorica, ciclostorica dedicata all'ex campione delle due ruote Gilberto Simoni, allo spettacolo di Lucio Gardin e Toni Marci per AVIS, alla danza di Ritmomisto, alle numerose mostre d'arte.

 

Il Trentino dei bambini si è invece preso cura dei più piccoli con giochi, spettacoli e divertimento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato