Contenuto sponsorizzato

La storia delle storie del Nanga Prabat. Gianluca Gasca racconta il "grande ottomila" alla Libreria Arcadia

Gianluca Gasca, alpinista e 'appenninista', racconta tutto questo e molto altro in un libro quasi definitivo sulla storia dei grandi scalatori di questo ottomila e sul rispetto che si deve ai giganti di pietra. Venerdì 30 giugno alle 19

Pubblicato il - 27 giugno 2017 - 15:42

ROVERETO. Il Nanga Parbat è la nona montagna più alta della Terra, con i suoi 8.126 metri, ma è, dopo l'Annapurna, il secondo monte al mondo per indice di mortalità, pari a circa il 30% delle ascensioni tentate.

 

Si trova in Kashmir, in Pakistan, e la sua storia è legata al tentativo di Albert Mummery del 1895 che dopo aver raggiunto i 7.000 metri dal versante Diamir morì insieme a due Gurkha come anche alle tragiche spedizioni tedesche degli anni '30, o ancora alla triste fine di Günther Messner

 

Il suo nome è sempre stato associato ad un'idea di inviolabilità, tanto da esser accostato all'etichetta, facile, di "montagna assassina". Una montagna difficile interpretata da Reinhold Messner in prima ascensione in solitaria nel '73, da Simone Moro nella prima invernale e da Nives Meroi, nel 1998, solo per citarne alcuni.

 

Gianluca Gasca, alpinista e 'appenninista', racconta tutto questo e molto altro in un libro quasi definitivo sulla storia dei grandi scalatori di questo ottomila e sul rispetto che si deve ai giganti di pietra. Le storie narrate nel libro sono storie di varia umanità che trascendono di molto il dato alpinistico.

 

L'autore, da sempre amante del viaggio con lo zaino in spalla, nel 2014 organizzò una traversata delle Alpi che lo portò a stravolgere la sua vita e a iniziarne una nuova fatta di incontri e di ritmi diversi più naturali. Venerdì 30 giugno sarà alla Libreria Arcadia. L'iniziativa è organizzata con il patrocinio della SAT di Rovereto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 febbraio - 05:01

Secondo alcune stime, procedendo con questo ritmo, il Trentino completerà la campagna vaccinale dopo l’estate del 2023. Il ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Padova: “L’impressione è che alcuni territori abbiano già raggiunto il limite giornaliero di dosi che riescono a somministrare”. Intanto dai portali nazionali le somministrazioni di AstraZeneca sarebbero ferme, in Trentino, ma non è così: ecco perché  

24 febbraio - 20:31

Sono 205 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 41 in alta intensità. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i territori che presentano almeno un nuovo caso di positività

24 febbraio - 21:20
Un appello anche alla Provincia da Anna Conigliaro Michelini. "La legge prevede la sospensione condizionale della pena sia subordinata alla partecipazione di percorsi specifici". Un'azione che, però, ha subito una battuta d'arresto. "Nell’ultimo anno la richiesta è aumentata esponenzialmente, ma paradossalmente la Provincia ha ritenuto di sospenderlo. Sento l’obbligo di dire al presidente Fugatti e all’assessora Segnana che, nelle circostanze che viviamo, ogni ritardo è colpevole e mette a rischio la vita di altre donne"
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato