Contenuto sponsorizzato

Si avvicina la maturità e la Fondazione Museo Storico organizza un "Ripassone di storia" alle Gallerie di Piedicastello

L'iniziativa è rivolta agli studenti di quinta superiore ed è pensata come un aiuto per affrontare al meglio la maturità, utile per scegliere la traccia storica della prima prova oppure per scrivere una buona tesina. Martedì 6 giugno alle 14.30 la terza lezione

Pubblicato il - 03 giugno 2017 - 18:57

TRENTO. Si avvicinano gli esami di maturità e alle Gallerie di Piedicastello, per chi volesse, c'è il 'Ripassone di storia'. L'idea di proporlo è venuta alla Fondazione Museo storico del Trentino e quella di martedì prossimo (6 giugno alle 14.30) è la terza lezione. Questa volta si parlerà di Guerra fredda e della sua eredità mentre gli altri due appuntamenti sono stati dedicati a raccontare la Grande guerra e i totalitarismi (il primo) e la Seconda guerra mondiale (il secondo). 

 

Il “Ripassone” complessivo di storia del '900 è rivolto agli studenti di quinta superiore ed è pensato come un aiuto per affrontare al meglio la maturità, utile per scegliere la traccia storica della prima prova oppure per scrivere una buona tesina, rispondere con successo alle domande di terza prova o all'orale. Circa un centinaio i ragazzi che hanno partecipato a ciascuno dei primi due incontri.

Per la prima volta l'Area Educativa della Fondazione ha aggiunto tra le proprie attività rivolte agli studenti questo valido aiuto per affrontare le ultime verifiche e per prepararsi al meglio all'esame di maturità. Il “Ripassone” è condotto da Tommaso Baldo, operatore didattico della Fondazione Museo storico del Trentino, anche attraverso l'utilizzo di materiali iconografici d'archivio, mappe e cartine. 

 

"Abbiamo ragazzi di Trento ma anche di Rovereto - spiega Tommaso Baldo - questo per far capire che siamo stati in gradi di raggiungere una platea vasta. Tra le scuole c'è l'Istituto tecnico Buonarrot-Pozzo ma anche il Rosmini, anche il Prati". E il fatto che arrivino da scuole come un liceo classico, "non significa che i ragazzi non si sentano preparati a sufficienza dai loro insegnanti, spesso cercano un confronto con un altro insegnante, un approccio diverso, un semplice ripasso".

 

"Al Buonarroti - spiega infatti Baldo - c'è uno tra i migliori gruppi di insegnanti che io conosca, docenti che hanno preparato molto bene gli studenti. Studenti che però hanno riconosciuto al Museo la capacità di uno sguardo diverso, un inquadramento internazionale che a volte viene condensato in poche lezioni nei programmi".

 

Un inquadramento molto utile nel saper poi fare collegamenti e riflessioni davanti ad una prova che chiede al candidato di indagare sulla contemporaneità: "Martedì parlerò sicuramente di istituzioni europee - afferma Baldo - perché sarà probabile che un titolo sia su questo argomento. Ma nelle passate lezioni ho affrontato anche la Prima guerra mondiale con uno sguardo alle ricadute nelle colonie, nell'Estremo Oriente, poi la Seconda guerra mondiale un focus sull'Italia fino alla Costituente".

 

Martedì l'ultima lezione, tre ore fitte fitte sulla Guerra fredda. "Chiederò poi ai ragazzi cosa vorranno approfondire - spiega lo storico - se vorranno concentrarsi sulla situazione italiana dovrò sacrifico il Vietnam e il Socialismo reale. Sceglieremo assieme".  

 

Tommaso Baldo, a cui è affidato il progetto, è soddisfatto di com'è andato fin ora. "Sono molto soddisfatto, e l'anno prossimo si riproporrà senza dubbio. La cosa che più dà soddisfazione - ammette - è che i ragazzi si sono iscritti spontaneamente, non sono venuti al museo in 'gita' con la scuola. si iscrivono e partecipano autonomamente".

 

"Attraverso questo servizio - conclude - si dimostra la funzione fondo delle istituzioni museali, che non è rivolta soltanto a quelli con i capelli grigi. Con questa iniziativa i giovani capiscono che un museo non è quel posto dove si va quando si ha 'buon tempo', è un luogo della conoscenza". 

 

Per informazioni basta scrivere a didattica@museostorico.it, o visitare il sito della Fondazione Museo storico del Trentino o la sua pagina Facebook.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 dell'8 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 marzo - 20:02

Sono 247  le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 44 in alta intensità. Oggi 4 decessi. Sono 37 i Comuni con almeno un caso di positività

08 marzo - 19:49

Parlano i legali del giovane che spiegano come dal ritrovamento del corpo della madre abbia cominciato a collaborare e ora ''l'indagato si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato, che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime''. La procura della Repubblica conferma che proseguono le ricerche del corpo del padre Peter e che si procederà ''all'incidente probatorio, finalizzata all'accertamento della capacità di intendere e di volere dell'indagato al momento del fatto''

08 marzo - 19:50

In occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna la Pat ha organizzato un incontro con tanti interventi: “Non aspettate che un uomo cambi. Gli uomini violenti non cambieranno. Denunciate, non siete sole. Denunciate per la vostra libertà, i vostri figli e la vostra serenità. Non abbiate paura”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato