Contenuto sponsorizzato

Dopo sei mesi riparte il cineforum del San Marco: dal 18 maggio proiezioni ogni martedì alle 16 ed alle 19

Il Teatro San Marco dà il via alla stagione con "The Rider" della premio Oscar Chloé Zhao. I film verranno proposti ogni martedì, dal 18 maggio al 13 luglio e poi dal 7 settembre al 26 ottobre, con nuovi orari compatibili con le limitazioni imposte dal coprifuoco: confermati tutti i titoli in programma

Di F.S. - 29 aprile 2021 - 11:14

TRENTO. Anche il cineforum del San Marco, un appuntamento storico per la città dopo oltre 50 anni di attività, è stato costretto ad abbassare il sipario a fine ottobre a causa dell'emergenza pandemica, dopo sole cinque settimane dall'avvio della nuova stagione

 

Per tutti gli amanti della settima arte però ci sono buone notizie: dal 18 maggio il cineforum ripartirà ufficialmente con una proiezione a settimana, il martedì, fino al 13 luglio e poi ancora dal 7 settembre al 26 ottobre. Restano validi gli abbonamenti sottoscritti lo scorso autunno e ci sarà la possibilità di acquistare biglietti singoli volta per volta al costo di 5 euro. Per adeguarsi al coprifuoco, le proiezioni cambieranno però orari e saranno anticipate alle 16 e alle 19.

 

Una ripartenza in grande stile che vedrà protagonista al Teatro San Marco per il primo appuntamento in sala "The Rider, il sogno di un cowboy" (Usa 2017), della regista Chloé Zhao, che ha trionfato all'ultima notte degli oscar con il pluripremiato "Nomadland".  Il 25 maggio ed il primo giugno si proseguirà con "La terra dell'abbastanza" (Italia 2018) e "Il più grande sogno" (Italia 2016), due pellicole forti che puntano a far conoscere la realtà del carcere e rientrano nell'ambito di "Liberi da dentro", progetto promosso dalla Scuola di preparazione sociale. 

 

Non mancheranno poi i grandi classici, a partire dall'8 giugno con "Passione/En passion" (Svezia 1969) di Ingmar Bergman (con Max Von Sydow) e "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto" (Italia 1970) di Elio Petri (con Gian Maria Volontè e le musiche di Ennio Morricone) il 22 giugno fino a "Hiroshima mon amour" di Alain Resnais (Francia, Giappone 1959) il 13 luglio.

 

Tornerà anche la novità dell'edizione 2020/2021, la sezione Black Lives Matter, con due titoli che affrontano il tema del razzismo e la questione afroamericana: il 15 giugno "Se la strada potesse parlare" (Usa 2018) e il 6 luglio "Killer of Sheep" (Usa, 1978). Spazio anche per la grande animazione con "Le avventure di Zarafa" (Francia, Belgio 2012), in programma il 29 giugno.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
15 giugno - 06:01
Il consigliere provinciale di Futura Paolo Zanella chiede chiarimenti in merito alle classi 'particolari' di indirizzo bilinguistico e musicale [...]
Cronaca
15 giugno - 07:47
E' successo nella tarda serata di ieri sulla Mebo, i vigili del fuoco sono intervenuti con le pinze idrauliche. La persona gravemente ferita dopo [...]
Cronaca
15 giugno - 07:28
Assalto a un mezzo portavalori sull'autostrada A1, nella sera del 14 giugno tra Modena e Bologna. Momenti di paura tra gli automobilisti, ci [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato