Contenuto sponsorizzato

Agricoltura, 'Donne in Campo': "Servono nuove modalità di finanziamento per aiutare i giovani"

Per la presidente dell'associazione, Mara Baldo: "Si potrebbe pensare ad aiuti economici graduali che permettessero ai giovani di portare avanti la propria azienda un po' alla volta". Ad oggi circa il 5% dei giovani che avviano un'azienda agricola dopo pochi anni abbandonato il progetto. 

Di G.Fin - 27 novembre 2017 - 06:47

TRENTO. “C'è la necessità di ripensare le modalità attraverso le quali la nostra Provincia finanzia i giovani che oggi decidono di entrare nel settore agricolo. Sono soldi importanti ma gli effetti purtroppo sono spesso di poca durata”. Mara Baldo, presidente di Donne in Campo del Trentino non ha dubbi: se da un lato oggi le disponibilità finanziarie messe in campo non sono mai abbastanza, dall'altro potrebbero essere utilizzate in maniera migliore.

 

Il nodo del problema sono i finanziamenti che la Provincia decide di dare, ovviamente attraverso la partecipazione di un bando, ai giovani che con entusiasmo si avvicinano al mondo dell'agricoltura.  Da qualche giorno la Pat ha comunicato l'intenzione di stanziare 1,3 milioni di euro di nuove risorse (da aggiungere all'1,5 milioni di euro già stanziate per il 2017) per rimpinguare il fondo necessario al bando "Giovani agricoltori", creato ad hoc per favorire i giovani nell'ingresso nel settore agricolo.

 

Le intenzioni sono senz'altro lodevoli perché queste risorse consentono a giovani preparati ad apportare nuova linfa vitale. Purtroppo, però, non è abbastanza. I soldi di avviamento di una attività ad un certo punto finiscono e la percentuale di abbandono è consistente.

 

Ad oggi, infatti, si avvicina al 5% il tasso di abbandono delle aziende nel settore agroalimentare da parte dei giovani. Il dato è stato fornito dagli uffici provinciali.

 

“Molti finanziamenti provengono dall'Europa – ci spiega Mara Baldo a margine del convegno 'La forza femminile tra la terra e l'agricoltura trentina ieri, oggi e domani' – ma ritengo che non vada bene il modo con il quale vengono dati. Teniamo a mente che oggi i soldi sono sempre pochi ma un tempo per aiutare il settore agricolo si pensava a potenziare i mutui agevolati o a aiutare nell'acquisto di macchinari. Oggi non è più così. Vengono dati i finanziamenti per l'avvio dell'attività ma poi quando finiscono i giovani purtroppo fanno fatica ad andare avanti”.

 

Gli aiuti che vengono dati dalla Provincia per l'acquisto di attrezzature e macchinari , ci spiegano gli agricoltori, “sono pochi e spesso bloccati dalla tanta burocrazia per non parlare poi delle lunghe liste d'attesa”.

 

“Noi abbiamo ragazze di 25 – 30 anni – spiega la presidente di Donne in Campo – che decidono di diventare imprenditrici agricole e tutte sono molto preparate. E' un lavoro che non si può improvvisare e che deve fare i conti anche con il mercato fondamentale per andare avanti.  Per aiutare questi giovani la Provincia potrebbe pensare di puntare a finanziamenti graduali  dati magari con il raggiungimento di alcuni obiettivi”.

 

L'associazione Donne in Campo quest'anno festeggia il decimo anno di attività e conta circa 50 socie  imprenditrici  nel settore agricolo. Dal 2007, anno di costituzione dell'associazione, le donne impegnate in questo settore sono aumentate ed oggi, pur con imprese di piccole o medie dimensioni, rappresentano un valore importante per tutto il territorio.

 

“Sta aumentando moltissimo l'interesse per le fattorie didattiche – ci spiega la presidente Mara Baldo – e per gli agriturismi. Se un tempo la donna pur lavorando in agricoltura era invisibile oggi, finalmente è diventata protagonista”.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 18:59

Le incertezze sembrano riguardare un po' tutto l'apparato organizzativo. Bruno Bizzaro: "Il nocciolo di tutto è naturalmente la sicurezza di operatori, pazienti e clienti. Non tutte le farmacie dispongono di locali separati che possono essere adibiti per questo scopo e che possono essere sanificati regolarmente"

24 ottobre - 19:44

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 162 positivi a fronte dell'analisi di 2.513 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 6,45%. Sono 71 le persone che presentano sintomi. Ci sono 63 pazienti in ospedale e 4 in terapia intensiva

24 ottobre - 19:17

In serata atteso l’intervento di Conte per annunciare le nuove misure restrittive: la bozza del Dpcm (ALL’INTERNO) prevede la sospensione delle attività per piscine, centri benessere e centri ricreativi. Per contrastare la diffusione del contagio alle superiori la didattica digitale integrata passa al 75% sul totale delle lezioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato