Contenuto sponsorizzato

Assunti in Provincia, ecco i nomi di chi ha vinto il concorso per 'giovani'. ''Obiettivo svecchiare la pubblica amministrazione''

Si tratta di 42 assunzioni con contratto di formazione lavoro che dopo due anni si trasformeranno in tempo indeterminato. Si aggiungeranno le 15 assunzioni dell'Azienda per i servizi sanitari. 

© Matteo Ianeselli / Wikimedia Commons
Di db - 01 novembre 2017 - 10:29

TRENTO. L' 'iniezione' di under-32 tra i dipendenti della Provincia ha l'obiettivo di ringiovanire la pubblica amministrazione. Per ora sono contratti di formazione lavoro ma scaduti i due anni è scontato che entreranno a pieno titolo tra i 'provinciali'.

 

Stiamo parlando dei 42 giovani che hanno vinto il concorso a cui si erano presentati da tutta Italia in 1.700. Il progetto Pat4Young li accoglierà attuando nuove modalità di inserimento nel mondo della pubblica amministrazione: formazione, interscambio generazionale, affiancamento di tutor e mentor. 

 

Assieme al personale provinciale saranno assunte anche 15 unità presso di personale l'Azienda provinciale per i servizi sanitari. In totale, quindi, i neoassunti saranno 57. La Giunta, su proposta di Rossi, ha approvato nei giorni scorsi la graduatoria definitiva

 

Per l'indirizzo amministrativo/organizzativo:  Sartori Davide, Graiff Luca, Zuanelli Brambilla Leopoldo, Zanon Alessia, Tomasetto Luca, Magnani Vera, Bordonali Francesco, Cuel Silvia, Pianura Anna, Ceschini Luisa, Salatino Chiara, Migliore Federica, Zini Martina.

 

Per l'indirizzo socio-assistenziale/politiche del lavoro: Ciaghi Silvia, Cason Anita, Michelini Sara, Montibeller Veronica, Maino Marco, Zanlucchi Giulia, Armani Eleonora, Rottaris Federica.

 

Per l'indirizzo tecnico-civile: Esposito Paolo, Tranquillini Paolo e Diamantini Elena.

 

Per quello economico/finanziario: Feller Arianna, Calliari Valentina, Trentin Maria, Buffa Anna, Ronchini Arezia, Togni Elisa, Sartori Sara, Tonazzolli Davide, Barjami Ilir, Baldessari Davide, Prattichizzo Alfonso, Nadalini Sara, Chin Maria.

 

La necessità di aprire le porte ai giovani è determinata anche dalla crescita dell'età media dei dipendenti, attestata attualmente sui 50 anni di età, precisamente 50,76. Infatti, se da una parte cala il numero di dipendenti, dall'altra si innalza l'età media. Nel 1997 era di 38,93 anni.

 

I dipendenti con meno di 35 anni sono oggi soltanto il 2,84% mentre nel 1997 erano il 36,73%. Quelli sopra i 56 anni rappresentano oggi il 29,07%, nel 1997 erano soltanto il 2.68.

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 05:01

Le incertezze sono enormi e probabilmente tutto resta sul tavolo, un vertice di presidente e assessore per riconoscere l'autonomia decisionale dei territori. L'unico contributo della Provincia è quello di impostare un protocollo sanitario che stabilisca le modalità di organizzazione degli eventi da firmare

23 ottobre - 09:59

Lo sciopero è stato indetto per 24 ore e riguarda anche il Trentino. In particolare i treni regionali potrebbero subire delle modifiche. Nel frattempo Trenitalia ha attivato un numero verde

23 ottobre - 09:27

Il premier Conte si è dato una settimana o dieci giorni di tempo per decidere. Si dovranno valutare gli effetti delle misure che sono state messe in campo nei giorni scorsi. Si stanno già pensando, però, nuove strette anti covid. Intanto le Regioni sulle chiusure vanno in ordine sparso 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato