Contenuto sponsorizzato

Dal Sudafrica alla Cina passando per la Svezia: Expo Riva Schuh scalda i motori

I dirigenti dell'ente fieristico stanno partecipando a una serie di meeting internazionali in vista dell'evento che si terrà dal 13 al 16 gennaio con più di 1.400 espositori provenienti da 43 Paesi e un pubblico di circa 13.000 operatori del settore 

Pubblicato il - 30 ottobre 2017 - 18:53

RIVA DEL GARDA. Pechino, Xiamen, Fuzhou, Guangzhou, Canton e poi la Svezia. I rappresentanti di Riva del Garda Fierecongressi sono da poco rientrati dal paese scandinavo dopo un tour in Cina. La bussola è ben puntata verso la 89esima edizione di Expo Riva Schuh, punto di riferimento a livello mondiale per il comparto delle calzature di volume, in programma dal 13 al 16 gennaio 2018 a Riva del Garda: con più di 1.400 espositori provenienti da 43 Paesi e un pubblico di circa 13.000 operatori del settore provenienti da oltre 100 nazioni.

 

Ma in questa fase è in pieno svolgimento il progetto Expo Riva Schuh Around the World, iniziato in primavera con la tappa in Sudafrica, il cui obiettivo è instaurare nuovi rapporti internazionali e consolidare quelli già esistenti. In Cina la dirigenza dell'ente fieristico rivano ha partecipato a numerosi meeting per rinnovare i contratti triennali con le principali agenzie di produttori cinesi. "Il valore di questi rinnovi è proprio nel loro essere a lungo periodo: la fiducia riposta in noi da queste cinque realtà per i prossimi tre anni è una ulteriore conferma dell'importanza mondiale di Expo Riva Schuh nel settore della calzatura di volume, con Riva del Garda che si presta ad essere luogo di business internazionale" commenta Giovanni Laezza, Direttore Generale di Riva del Garda Fierecongressi SpA.

 

In ottobre invece Expo Riva Schuh, in collaborazione con Ice-Agenzia e Ministero dello Sviluppo Economico, ha organizzato in Svezia, presso Stockholm Fashion District, una giornata di dialogo e incontro dedicata ad una rappresentanza di buyer provenienti da Svezia, Finlandia, Norvegia, Danimarca, Lettonia ed Estonia. L'incontro è stato occasione per presentare la manifestazione di Riva del Garda, ma anche per analizzare i trend più attuali che interessano il settore retail a livello mondiale.

 

"Altresì significativo il trasferimento dei lavori presso la sede dell'Ambasciata Italiana a Stoccolma, dove siamo stati accolti dallo stesso Ambasciatore Mario Cospito: dopo un network lunch a cui sono stati invitati stampa, operatori e istituzioni, la giornata si è conclusa con una tavola rotonda in cui si sono approfondite le caratteristiche ed esigenze dei singoli mercati rappresentati dai buyer. Incontri come questi sono fondamentali nel comprendere le esigenze del settore e poter, di conseguenza, offrire una occasione di business su misura" racconta Roberto Pellegrini, Presidente di Riva del Garda Fierecongressi SpA.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 12:58

L’appello contro le “liberalizzazioni” volute da Fugatti, parte la campagna “Io la mascherina non la tolgo”. La denuncia: “Sono rimasta esterrefatta quando ho saputo che avrebbero allentato le restrizioni, eliminando l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. È come dire a tutte le persone più deboli di arrangiarsi''

03 dicembre - 12:42

Quanto successo ieri non è uno strappo con Roma ma un atto che la regione avrebbe voluto porre in essere mesi fa ma che non ha potuto fare perché il consiglio era sciolto fino a metà ottobre. Di fatto è stata votata una legge per prendere provvedimenti come ha fatto Bolzano nella Fase-2 e a fine ottobre quando prima ha provato a tenere i bar e ristoranti aperti e poi si è autoproclamata zona rossa. E' un modo di gestire l'autonomia diverso da quello di Trento che non ha mai legiferato in materia e va avanti a ordinanze facilmente sospendibili come successo a fine ottobre

03 dicembre - 11:36

A Capodanno coprifuoco più lungo. Ristoranti e bar possono aprire a pranzo a Natale, Santo Stefano, Capodanno e Epifania. Orario più lungo per i negozi. La cena dell'ultimo dell'anno può essere consumata solo in camera negli hotel

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato