Contenuto sponsorizzato

Gelate, arrivano gli aiuti per i lavoratori del comparto agricolo

Franco Ianeselli (Cgil): "Ecco cosa significare fare sistema". Si stima che i lavoratori potenzialmente interessati dall’intervento siano circa 1200

Pubblicato il - 02 dicembre 2017 - 10:17

TRENTO. Specifici ammortizzatori sociali per i lavoratori del comparto agricolo che hanno perso, o che si sono visti ridurre, il lavoro a seguito delle avversità meteorologiche di quest'anno. A prevederlo è il protocollo che vede le firme degli assessori provinciali Olivi e Dallapiccola, dei sindacati e della Federazione trentina della cooperazione.

Si stima che i lavoratori potenzialmente interessati dall’intervento siano circa 1200 e lo strumento individuato è quello della concessione di appositi contributi all'Ente Bilaterale Ortofrutta Trentino (EBOT), con il fine di erogare forme di sostegno economico connesse alla diminuzione del reddito percepito in ragione della minore occupazione a favore dei lavoratori già occupati in provincia di Trento presso datori di lavoro che aderiscono all'ente bilaterale.

 

“Per mitigare gli effetti di gelate, siccità e trombe d'aria sui redditi dei lavoratori - ricordano gli assessori Olivi e Dallapiccola - la Provincia aveva già stanziato 1,5 milioni di euro in assestamento, ma servono altre risorse per completare l’intervento, così come è emerso da un tavolo tecnico, istituito all’indomani delle gelate dai due assessorati competenti, ed avente il compito di stimare le risorse necessarie per attivare gli ammortizzatori straordinari in favore dei lavoratori del comparto ortofrutta interessati dai cali produttivi. Si sta discutendo in finanziaria quale debba essere il contributo complessivo al fondo da parte della Provincia al quale andranno aggiunti ulteriori 0,5 milioni di euro da parte dei consorzi, che comparteciperanno all’intervento nonostante il momento di difficoltà che stanno attraversando."

 

L'obiettivo della Giunta è quello di attivare nuovi ammortizzatori sociali per il comparto, chiedendo ai Consorzi anche una propria compartecipazione finanziaria. "A tal fine - spiega l'assessore Olivi - verrà stipulato un protocollo che impegna i consorzi ad attivare percorsi formativi retribuiti nei primi mesi del 2018 quando i lavoratori saranno particolarmente interessati dai cali produttivi”.

 

Ad esprimere soddisfazione per il risultato è stato anche i segretario della Cgil, Franco Ianeselli: “Ecco cosa significa 'fare sistema'. Rispondere tempestivamente alle emergenze costruendo risposte strutturali per il futuro”.

Al fine di evitare che in altre situazioni emergenziali di cali produttivi seguiti a calamità naturali, sia sempre il pubblico a sostenere i redditi dei lavoratori, la Provincia ha inoltre chiesto un innalzamento delle percentuali di contribuzione di lavoratori e consorzi al fondo istituito presso l’Ente Bilaterale Ortofrutta Trentino.

 

In futuro la contribuzione all’ente bilaterale sarà quindi dello 0,45% della retribuzione lorda dei lavoratori divisa tra uno 0,30% a carico dei consorzi e uno 0,15% a carico dei lavoratori. La nuova percentuale di contribuzione (prima era dello 0,2 % divisi equamente tra datori di lavoro e lavoratori) è la stessa prevista per il Fondo di Solidarietà del Trentino che, come dice la denominazione, è un fondo intersettoriale di solidarietà mutualistico per gestire situazioni di crisi occupazionale che determinano la sospensione dal lavoro. Il Fondo di Solidarietà del Trentino ha tra le diverse finalità quella di sostenere il reddito dei lavoratori di piccole imprese durante cali produttivi derivanti da crisi aziendali e/o settoriali. Al Fondo hanno aderito commercio, turismo, cooperazione, studi professionali e piccole imprese industriali ed è nato grazie ad un emendamento al Jobs act che ha permesso la gestione in loco di un sistema di ammortizzatori sociali per le piccole imprese che non godono della Cassa Integrazione e per le quali non sarà più operativa la ex cassa in deroga, che era finanziata non con meccanismi contributivi bensì con la fiscalità generale dello Stato.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 20:18

La mappa del contagio comune per comune. Oggi in Alto Adige è stata chiusa la prima scuola della regione per un focolaio tra gli studenti

25 settembre - 19:15

Preoccupa il ritorno dei contagi, soprattutto in vista della stagione invernale e sulle piste da sci. Il consigliere del Patt Dallapiccola deposita un’interrogazione: Finora questa Giunta non ha dato dimostrazione di particolare prontezza di riflessi e di efficacia nelle risposte ai problemi che via via si presentano”

25 settembre - 16:21

Nelle ultime 48 ore in Alto Adige sono stati individuati quasi 90 positivi. Di questi cinque sono studenti di scuole diverse (ecco quali) dove scatteranno le normali misure di quarantena per i compagni mentre altri cinque sono stati individuati solo nell'istituto di Merano. Per sicurezza da lunedì 28 settembre fino a venerdì 9 ottobre 2020 compreso la scuola resterà chiusa e si torna alle lezioni digitali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato