Contenuto sponsorizzato

Nursing Up e Uil abbandonano il tavolo, la Cisl: "Vogliamo un contratto per tutti i lavoratori"

La tensione è altissima in sede Apran per la trattativa del contratto sanità. Un fronte sindacale che fatica a ritrovare compattezza e gli schieramenti sono ben opposti: Cisl Fp, Fp Cgil e Fenalt da una parte e Nursing Up e Uil dall'altra

Cisl Fp, spazio autogestito
Di Cisl Fp, spazio autogestito - 30 ottobre 2017 - 19:38

TRENTO. Nonostante la firma dell'accordo stralcio ormai alla fine dell'anno scorso, la tensione è altissima in sede Apran per la trattativa del contratto sanità. Un fronte sindacale che fatica a ritrovare compattezza e e gli schieramenti sono ben opposti: Cisl FpFp Cgil e Fenalt da una parte e Nursing Up e Uil dall'altra. 

 

La trattativa sembrava aver trovato la quadra dopo otto ore di confronto e discussione, al termine delle quali tutte le parti sociali avevano deciso di firmare l'accordo stralcio chiudendo la contrattazione economica per spostare l'attenzione su quella normativa.

 

Il contratto prevede in definitiva per la parte economica uno stanziamento di 14,1 milioni di euro per il triennio 2016-2018 e un aumento tabellare di circa il 3% per gli oltre 6.000 lavoratori del comparto. Il nuovo anno però ha visto i toni accendersi di nuovo e l'accordo definitivo sembra ancora lontano. Un contratto in stallo.

 

"Uil e Nursing Up - spiega la Cisl Fp - continuano l'azione di boicottaggio in merito alla contrattazione collettiva del comparto sanità. Oggi hanno abbandonato il tavolo delle trattative in Apran, I lavoratori rischiano di restare con un contratto monco". 

 

Non fanno sconti i sindacati Fp Cgil, Cisl Fp e Fenalt che oggi, inutilmente, si sono presentati alla riunione. "Abbiamo - continua il sindacato - cercato di portare avanti in modo responsabile la trattativa, ma a fronte dell'assenza della maggioranza anche Apran si è trovata costretta a sospendere i lavori. Le trattative e la rappresentatività dei lavoratori non è solo questione di numeri. Si rischiano di perdere risorse e tempo".

 

Senza l'intesa, infatti, non si possono attribuire le fasce e destinare le risorse già stanziate per un contratto che aspetta ormai da circa dieci anni di essere rinnovato. "Uil e Nursing Up - conclude la Cisl Fp - inoltre non condividono la propria piattaforma di lavoro, manca totalmente il dialogo. Le nostre richieste sono invece chiare: contrattazione decentrata, risorse aggiuntive, valorizzazione delle professionalità e capacità di investire sul capitale umano".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato