Contenuto sponsorizzato

Redditi, a Trento i più ricchi sono quelli di Villazzano (che sono secondi solo a Milano) e dell'Argentario. Gardolo sotto la media nazionale

Ecco i dati, circoscrizione per circoscrizione, dei redditi imponibili medi. La collina Est è senza rivali (se si eccettua San Giuseppe/Santa Chiara). In coda la zona del Bondone. A Villazzano il 10% dichiara redditi superiori a 55.000 euro l'anno

Di Luca Pianesi - 27 dicembre 2017 - 06:01

TRENTO. I Paperoni di Trento? Si trovano sulla collina Est della città. Villazzano in testa, poi ArgentarioSan Giuseppe/Santa Chiara e Povo. Quelli con i redditi più bassi? A Gardolo e sull'altro versante della Valle: Bondone e Sardagna. Lo certificano i dati pubblicati pochi giorni fa dal Comune di Trento sui redditi imponibili del 2015 (quindi sul reddito che viene dichiarato e tassato) che fissano per la città capoluogo una media di 24.180 euro all'anno. Una cifra comunque molto alta se si pensa che il dato medio in Italia è di 20.690 euro e quello regionale, del Trentino Alto Adige, è di 20.489 euro (dati Ministero economie e finanze). E sono i paesini e le periferie ad abbassare i valori segnati nelle città se si considera che anche in Lombardia il reddito medio è di 22.980 euro mentre a Milano raggiunge la cifra record in Italia di 30.621 euro.

 

Andando a valutare, nello specifico, il caso di Trento ecco che scopriamo che a Villazzano il reddito dichiarato medio è di 28.821 euro. Praticamente facendo un confronto con i capoluoghi di provincia del resto del Paese il valore risulta essere secondo solo a Milano (visto che il podio nazionale è occupato poi da Monza con 27.591 euro e Bergamo con 26.943 euro). Molto alto anche il reddito dei residenti nella circoscrizione dell'Argentario che viaggiano su una media di 26.951 euro. Seguono, quasi a pari merito, San Giuseppe/Santa Chiara con 26.470 euro e Povo con 26.156 euro. Sulla soglia del dato medio cittadino c'è l'Oltrefersina con 24.513 euro e Piedicastello/Centro Storico con 24.058 euro

 

Mattarello si ferma a 22.360 euro, Ravina/Romagnano a 21.931 euro, Meano 21.903, Bondone a 21.781 e Sardagna a 21.404. All'ultimo posto Gardolo con 19.483 euro di reddito medio imponibile. E la collina si conferma ai vertici anche per quanto riguarda le fasce top di reddito: i trentini che hanno un reddito imponibile superiore ai 55.000 euro infatti ancora una volta si concentrano lassù, tra l'Argentario, Villazzano e Povo, con San Giuseppe/Santa Chiara a spezzare quest'egemonia.

 

A Villazzano, infatti, quasi il 10% dei residenti può contare su più di 55.000 euro di reddito imponibile all'anno; a Povo sono poco più dell'8%, a San Giuseppe/Santa Chiara sono l'8% e sull'Argentario poco meno dell'8%. Interessanti, infine, le curve che riguardano l'età media e i redditi medi per ogni circoscrizione, suddivise per sesso.

 

Reddito imponibile medio per genere e fasce di età in ciascuna circoscrizione

 

Come si può notare ovunque il reddito medio è più alto per gli uomini che per le donne ma sono i picchi a fare la differenza perché permettono di capire dove risiedono le classi più produttive e quelle meno. Per esempio a Villazzano i più "ricchi" sono gli uomini di età compresa tra 50 e 54 anni (dunque in piena età di lavoro), a Povo è tra i 55 e i 59 anni, sull'Argentario tra i 60 e i 69 come anche nell'Oltrefersina, San Giuseppe/Santa Chiara, Centro Storico/Piedicastello. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 11:55

Dopo le affermazioni di papa Francesco sulle famiglie omosessuali, il mondo cattolico si interroga, tra gli attacchi dei più conservatori e le tante attestazioni di approvazione. Don Marcello Farina: "Parole bellissime. Come cristiani non abbiamo il diritto di imporre agli altri il nostro modo di vivere. La cosa che conta di più è il rispetto per le persone"

24 ottobre - 11:31

Il bilancio resta a 296 morti, mentre i contagi salgono a 6.095 casi da inizio epidemia. Ci sono 102 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 31 quelli nelle strutture, mentre sono 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 32 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

24 ottobre - 12:29
L'allerta è scattata intorno a mezzogiorno di oggi, sabato 24 ottobre, lungo la strada statale 45bis della Gardesana. In azione la macchina dei soccorsi
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato