Contenuto sponsorizzato

“Spunta Banca Project”, applicare ai movimenti interbancari il principio della blockchain

Chiunque si sia mai approcciato al mondo delle criptovalute avrà sentito parlare della blockchain, un processo di crittografia secondo il quale si creano nuovi blocchi di dati a partire da uno precedente, che non possono essere modificati in quanto sono condivisi da più utenti nella rete

Pubblicato il - 07 dicembre 2018 - 11:34

TRENTO. Chiunque si sia mai approcciato al mondo delle criptovalute avrà sentito parlare della blockchain, un processo di crittografia secondo il quale si creano nuovi blocchi di dati a partire da uno precedente, che non possono essere modificati in quanto sono condivisi da più utenti nella rete.

 

Questo meccanismo crea quindi una vera e propria catena, di cui ogni utente ha un pacchetto di dati che viene crittografata e resa immutabile nel tempo, ma soprattutto che senza l’utilizzo degli altri pacchetti è praticamente inutile.

Questa tecnologia è stata sviluppata dai cosiddetti miners, ossia i creatori di criptovalute, per rendere il processo totalmente libero, trasparente e privo di controlli.

 

Applicare la blockchain alle spunte interbancarie

È tuttavia recente la notizia secondo cui alcune banche italiane stiano sperimentando la blockchain come meccanismo di protezione e di condivisione delle proprie banche dati.

 

Stando a quanto riportato in questi giorni dall’Agenzia ANSA, sarebbero 17 gli istituti creditizi che stanno partecipando al progetto, con 2 milioni di movimenti bancari raccolti e condivisi nel giro di due mesi.

 

I dati dell’esperimento sono forniti dall’ABI, l’Associazione Bancaria Italiana, il cui centro di ricerca ABI Lab, sta sviluppando proprio la possibilità di applicare la tecnologia blockchain ai processi interbancari, collaborando a stretto contatto con Assofintech, l'Associazione italiana per il fintech e l'insurtech.

 

Il nome del progetto è “Spunta Banca Project”, il cui riferimento è al procedimento di spunta interbancaria, cioè la verifica dei dati di attività che interessando due banche diverse e che possono esser condivisi in un solo database.

 

Per una condivisione trasparente dei dati bancari

L’obiettivo di ABI Lab e Assofintech è quello di dare un impulso alla digitalizzazione dell’economia italiana, implementando i meccanismi relativi alla condivisione dati, al crowdfunding e agli strumenti di pagamento di nuova generazione e promuovendo la cultura digitale sia negli ambienti privati, ma soprattutto all’interno degli apparti statali.  

 

Inoltre la condivisione dati con la tecnologia blockchain faciliterebbe i meccanismi di controllo e verifica delle transazioni, rendendole ancora più sicure ma soprattutto trasparenti agli occhi del cittadino e degli organismi di controllo.

 

Migliorare il sistema bancario ed economico alla luce delle nuove tecnologie

L’azione promossa da ABI Lab e Assofintech si inserisce quindi in un contesto volto a dare sviluppare un nuovo sistema interbancario, dove le startup digitali possano dare il loro contributo in termini tecnologici, innovando un ambiente che negli ultimi anni, specie grazie all’home banking, ha dovuto scontrarsi con l’evoluzione degli strumenti a disposizione dei clienti.

 

In quest’ottica, sempre stando a quanto riporta la nota ANSA, l’accordo tra ABI Lab e Assofintech servirà negli anni a promuovere attività di formazione e di informazione per gli addetti ai lavori, in modo da approcciarsi con strumenti conoscitivi adeguati al mondo delle startup.

 

Ma non sono solo le banche ad essere al centro dell’innovazione tecnologica: infatti anche il mondo delle assicurazioni e delle finanziarie sarà coinvolto nel progetto, sempre con l’obiettivo di tracciare una strada nuova per sviluppare modelli digitali di sviluppo economico.

 

Per maggiori dettagli sul mondo economico potete consultare Bancario.info, un blog con notizie finanziarie e fiscali utili per tutte le tipologie di investitori.

 

Video del giorno
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.20 del 08 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 16:56

Tra i dati sempre più drammatici del Paese, Bolzano e Trento restano i luoghi dove le donne hanno più figli (rispettivamente 1,74 e 1,49). I maschi trentini sono quelli del nord che hanno figli più tardi (35,8 anni). I nomi più diffusi in Italia tra i neonati sono Francesco e Sofia, in Trentino e Alto Adige cambiano

09 dicembre - 18:33

Soddisfazione all'Apt per il grande afflusso di turisti e visitatori tra le 92 casette del Mercatino e le 400 bancarelle della Fiera di Santa Lucia

09 dicembre - 05:01

Giovedì sera Jacob è rimasto vittima di un atto di razzismo mentre si trovava in piazza Cesare Battisti per bere un brulè con gli amici. Saputo quello che era successo l'assessore comunale Roberto Stanchina e la direttrice dell'Apt Elda Verones, si sono immediatamente messi in contatto con il ragazzo chiedendogli scusa

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato