Contenuto sponsorizzato

A rischio i posti di lavoro nei nidi d'infanzia. La protesta: "Abbiamo garantito il servizio per anni ed ora ci lasciano a casa"

Il segretario della Fp Gianpaolo Mastrogiuseppe: "Sembra che alla politica interessi solo fino ad un certo punto". A rischio anche il precariato delle case di riposo e degli enti collegati alla Provincia

Di gf - 04 maggio 2018 - 19:14

TRENTO. Sono in tutto 46 le firme in calce alla lettera che il personale dei nidi del Comune di Trento, assunto a tempo determinato, ha deciso di inviare al presidente Ugo Rossi. Educatrici, cuochi, addetti d'appoggio che dopo collaborazioni anche più che ventennali ora rischiano di perdere il proprio posto di lavoro. I problemi sono due, da un lato le norme del jobs act che impongono il termine di 36 mesi quale limite ai rapporti di lavoro a tempo determinato dall'altro la stabilizzazione per pochi lavoratori.

 

“Abbiamo cercato fino ad oggi – ha spiegato il segretario della Fp Cgil, Giampaolo Mastrogiuseppe – di risolvere questa situazione ma sembra che alla politica interessi solo fino ad un certo punto”. Anche a Trento è stato avviato un percorso di stabilizzazione con la legge Madia che però rischia di lasciare a casa moltissime persone. “Non tutte le persone che hanno superato i 36 mesi – ha spiegato Mastrogiuseppe – saranno stabilizzate perché la stabilizzazione si farà in base al fabbisogno calcolato dalle amministrazioni e in riferimento alle dotazioni organiche. Queste persone, però, sono extra organico e sono essenziali per il funzionamento di un settore”.

 

Molti lavoratori con tanto di professionalità e formazione appresi in questi anni rischiano quindi di non poter più lavorare in un settore che per anni hanno contribuito a far crescere anche sotto il profilo della qualità.

 

“In sede Apran – continua il segretario Fp – Cgil - abbiamo cercato di fare in modo che quanto meno ci siano selezioni e concorsi nel giro dei prossimi tre anni perché in questo modo si azzererebbero per alcuni i 36 mesi e continuerebbero a lavorare. Questa però è una soluzione che non dà certezza di venire stabilizzati”.

 

Il problema, secondo una prima analisi, potrebbe riguardare circa 150 persone che in tutta la provincia operano con collaborazioni a tempo determinato solo negli asili nido. A questo però si può aggiungere tutto il precariato delle case di riposo e degli enti collegati alla Provincia.

 

Ecco la lettera

 

 
 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 20:28

La vetta della classifica resta saldamente in mano al Nordest con Bolzano che si conferma prima e Trento al terzo posto. Belluno, invece, si piazza al 32esimo posto, penalizzato quasi in tutte categorie. Brilla, però, con 5 punti su 5, nella categoria Sicurezza e Legalità: un risultato migliore anche rispetto ai due capoluoghi del Trentino - Alto Adige

26 settembre - 21:01
La via sterrata è molto stretta e il conducente della vettura ha accostato per cercare di far passare il furgone. Nella manovra però l'auto è finita nella scarpata. In azione vigili del fuoco di zona e carabinieri 
26 settembre - 19:53

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato ospite questo pomeriggio del Festival dell'economia. Intervistato dalla giornalista Tonia Mastrobuoni assieme a Tito Boeri. Sulla vicenda Tridico ha affermato: ''Ho chiesto approfondimenti"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato