Contenuto sponsorizzato

Cassa centrale e Federcoop gettano acqua sul fuoco: ''Il dialogo prosegue nell'interesse del credito trentino''

Cassa centrale banca avrebbe preso la decisione di recedere quale socio di Federcoop per ragioni tecniche, in quanto è cambiato quadro nel quale il Gruppo agisce

Di L.A. - 21 settembre 2018 - 06:01

TRENTO. "Le Casse - dice Marco Misconel, vice presidente della Federcoop - rimangono convintamente all’interno della Federazione, riconoscendo il ruolo istituzionale e la qualità dei servizi erogati. Il tema che riguarda la certificazione del bilancio consolidato della Capogruppo non mette pertanto in discussione neppure il prezioso e autorevole servizio di revisione legale svolto dalla Divisione vigilanza della Federazione nei confronti delle singole Casse”.

 

Un percorso di sinergia, condivisione e lavoro che prosegue, ma è mutato il quadro dentro al quale si trova a operare Cassa centrale banca e per questo il Consiglio di amministrazione ha preso la decisione di recedere quale socio della Federazione trentina della cooperazione.

 

L’articolo 48 della legge regionale numero 5 del 2008 dispone che “la revisione legale del bilancio consolidato di un ente capogruppo di un gruppo cooperativo, anche bancario, è effettuata dall’associazione di rappresentanza cui l’ente medesimo aderisce, se la maggioranza del patrimonio netto è da ricondurre a riserve indivisibili ai sensi dell’art. 2514 del Codice civile riferibili agli enti appartenenti al gruppo”.

 

L’articolo imporrebbe quindi che la revisione legale del bilancio consolidato di Cassa centrale banca venga effettuata dalla Federazione trentina della cooperazione, una disposizione che se venisse modificata potrebbe riportare il gruppo nell'alveo della Coop.

 

“L'attività di certificazione del bilancio di Cassa centrale banca – afferma il presidente Giorgio Fracalossi - viene da sempre effettuata da primarie società (oggi KPMG). La partenza del Gruppo bancario cooperativo cassa centrale banca, realtà di dimensioni e rilevanza nazionali con oltre 90 Bcc-Cr- Raika aderenti, oltre 70 miliardi di attivi e oltre 1.500 sportelli, impone la scelta di un certificatore di bilancio che dovrà essere individuato nel novero delle principali società di riferimento nazionali e internazionali".

 

Il Gruppo intende poi ricorrere al meccanismo dell'asta competitiva. "L'intenzione - prosegue Fracalossi - è quella di affidare l'incarico attraverso modalità in grado di assicurare trasparenza e oggettività. Confermo quindi la massima fiducia e il pieno apprezzamento dell’attività svolta dalla Divisione vigilanza della Federazione, che non viene certo messa in discussione in questa sede".

 

Un percorso che comunque la Federazione intende portare avanti al fianco di Cassa centrale banca. "La Federazione – afferma la presidente Marina Mattarei – è convinta che potranno essere individuate soluzioni condivise e conferma la volontà di proseguire nel percorso di collaborazione avviato da tempo con Cassa centrale banca sui molti argomenti di interesse comune”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 luglio - 12:58

Dopo la discussione social e la capogruppo della Lega accusata di diffondere notizie incomplete e di risposte con affermazioni molto pesanti, il movimento femminile del Patt prende posizione. La Lega ribatte e il Pd solidarizza con le stelle alpine: "Basta con questo linguaggio offensivo e becero del carroccio. Non attaccano sul contesto, ma in base a quello che fa più presa sull'elettorato"

20 luglio - 06:01

La Pat in numerose occasioni ha ripetuto che l'orso è stato protagonista dell'80% delle predazioni totali da parte degli orsi e del 50% dei danni. Dati corretti ma che oggi (che siamo entrati in possesso dei Rapporti specifici che riguardano il plantigrado) possiamo tradurre in numeri: nel 2018, per esempio, ha ucciso 11 dei 13 bovini predati in totale da tutti i plantigradi a fronte di oltre 46.000 capi in provincia. Curiosità: il 26 settembre è stato investito da un furgone ma ha riportato pochissimi danni

20 luglio - 09:12

E' successo a porto San Nicolò. L'automobilista invece di entrare in un parcheggio ha sbagliato strada e si è trovato in ciclabile. Accortosi dell'errore ha fatto retromarcia 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato