Contenuto sponsorizzato

Contratto Autonomie locali: "Cisl passi avanti nella trattativa"

Un incontro che avvia un importante confronto tra i sindacati e il governatore Ugo Rossi per superare l'impasse del contratto Autonomie locali. Dall'armonizzazione tra le fasce e le progressioni di carriera alla valorizzazione delle professionalità e il mentoring

Di Spazio autogestito - 23 gennaio 2018 - 20:22

TRENTO. Un incontro che avvia un importante confronto tra i sindacati e il governatore Ugo Rossi per superare l'impasse del contratto Autonomie locali

 

"E'importante - spiega Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp, in delegazione con Maurizio Speziali responsabile dei Comuni e Comunità di Valle della Cisl - l'apertura del presidente alle istanze presentate dalla Cisl, ma auspichiamo tempestività della Giunta provinciale nell'attuazione delle misure annunciate".

 

Si parte da risorse per istituire la quinta fascia di retribuzione, oltre a questo in agenda anche l'armonizzazione tra le fasce e le progressioni di carriera. "Il governatore - aggiunge il segretario - si è impegnato a con risorse certe per raggiungere questo obiettivo".

 

Sul tavolo anche la stabilizzazione del personale nelle Apsp. "Questo ragionamento - prosegue Pallanch - comprende un ragionamento a tutto tondo con la modifica dei parametri. La stabilizzazione dei precari e la capacità di declinare la legge Madia alla realtà trentina per ridare ossigeno alle amministrazioni è tra i punti fondamentali della nostra piattaforma. Non si può continuare a derogare e tenere il personale, che già lavora e mette a disposizione competenze e know-how, sul filo del rasoio".

 

Capitolo riqualificazione della figura dell'operatore socio sanitario. "La Provincia - dice la Cisl - è intenzionata a aprire un tavolo di discussione e approfondimento per arrivare a fare risposte dal punto di vista giuridico, ma anche di quello economico".

 

Il prossimo incontro prevede anche la programmazione del piano assunzionale tra le battaglie del sindacato. "Abbiamo ricevuto delle rassicurazioni. Ci sara un confronto sulla staffetta generazionale  e assunzioni, ma il piano dovrà necessariamente prendere  in considerazione il mentoring. Un giovane deve avere l'opportunità di inserirsi nel mondo del lavoro e poter approfittare dell'esperienza di quei dipendenti che si avviano verso la pensione. Quest'ultimo punto delinea un duplice vantaggio: maggiore fiducia ai giovani, ma anche la possibilità di preservare il patrimonio di know-how, conoscenze e competenze dei lavoratori più maturi: questo a vantaggio della comunità trentina e della qualità nei servizi offerti".

 

Il sindacato incassa anche l'apertura a ragionare rispetto alle criticità emerse dopo il passaggio di diverse amministrazioni comunali alle gestioni associate. Se prima della gestione associata i dipendenti erano pochi nei Comuni, dopo questo processo i numeri non sono cambiati: ai gravosi adempimenti quotidiani si sono aggiunti altri impegni e ulteriori pratiche. Inoltre si è sottovalutata la parte tecnologica perché spesso i Comuni spesso utilizzando software diversi e quindi diventa difficile interagire tra le diverse banche dati.

 

Rimane ancora sul tavolo anche la questione della 'mensa diffusa' e quella 'interna'. "Un incontro improntato al dialogo  - conclude Pallanch - ma continueremo a vigilare e non abbasseremo la guardia per ottenere passo dopo passo ulteriori fatti concreti".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:10

A lanciarlo il segretario del Partito Autonomista: "Assieme possiamo fare anche massa critica per portare avanti un certo tipo di istanze".  L'appello è rivolto alle forze di centro e autonomiste. Il segretario: "Assistiamo ad un crescendo di malessere tra i moderati nei confronti dei partiti nazionali''

23 settembre - 19:38

La città gardesana è stata scelta perché da anni ospita una comunità molto attiva di raeliani che promettono: “Entro il 2035 gli Elohim giungeranno sulla terra ma solo dopo che la loro ambasciata sarà costruita”

23 settembre - 19:09

Il 19 settembre 2019 il Parlamento approva una mozione che mette sullo stesso piano in nome della memoria condivisa il nazionalsocialismo e il comunismo. Ma la misura, volta a compiacere i governi dell'Est Europa, non comprende la complessità della Storia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato