Contenuto sponsorizzato

Elezioni Rsu, la Cisl Fp si conferma il primo sindacato confederale nel pubblico impiego

Tra martedì 17 e giovedì 19 aprile, oltre 9 mila lavoratori della Sanità, dei Ministeri, delle Agenzie fiscali e degli Enti del parastato, hanno avuto la possibilità di votare per rinnovare le Rappresentanze Sindacali Unitarie dei propri enti. E la Cisl Fp mette a segno un risultato brillante e conferma inoltre al terzo posto nel comparto sanità

Di Cisl Fp, spazio autogestito - 20 aprile 2018 - 18:40

TRENTO. "Siamo estremamente soddisfatti per l'esito di questa tornata elettorale, un risultato che conferma il buono stato di salute del nostro sindacato. Ora porteremo avanti in maniera serie e decisa il programma", questo il commento di Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp all'indomani delle elezioni Rsu.

 

Tra martedì 17 e giovedì 19 aprile, oltre 9 mila lavoratori della Sanità, dei Ministeri, delle Agenzie fiscali e degli Enti del parastato, hanno avuto la possibilità di votare per rinnovare le Rappresentanze Sindacali Unitarie dei propri enti. E la Cisl Fp mette a segno un risultato brillante e si mantiene il primo sindacato per quanto riguarda il pubblico impiego, mentre si conferma al terzo posto nel comparto sanità.

 

"Ringraziamo i lavoratori - aggiunge il segretario - per la partecipazione e il voto lusinghiero: tra le amministrazioni centralizzate e sanità, quasi mille lavoratori dei 5 mila votanti hanno scelto la Cisl. Bene nelle centralizzate oltre un terzo dei votanti, cioè circa 250 unità su 700, ci hanno accordato la loro preferenza".

 

E' ancora presto per conoscere gli esiti finali di questa chiamata alle urne, ma è sicuro che la Cisl Fp ha strappato almeno un seggio in ogni collegio. "Registriamo - conclude Pallanch - in particolare un ottimo riscontro agli ospedali di Borgo, Pergine e Rovereto, mentre siamo in ulteriore crescita in quello di Trento. Partiamo da queste elezioni e dalla nostra piattaforma aperta per costruire insieme un percorso di valorizzazione dei comparti".

 

Per quanto riguarda la sanità, nella piattaforma aperta rientrano diverse manovre, come i 15 euro mensili aggiuntivi per tutto il personale appartenente alle categorie A, B, C, il rimborso della tassa di iscrizione al collegio se obbligatoria e un percorso certo di armonizzazione contrattuale economica e giuridica per tutto il personale sanitario e non, ma anche l'aggiornamento delle indennità di turno orario notturno, la riqualificazione giuridica e economica degli operatori socio sanitari e la valorizzazione del personale amministrativo, tecnico e operaio.

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
17 settembre - 06:01
La dirigente della Formazione professionale ha detto che questo è il primo anno dei nuovi piani di studio e quindi sono 12 mesi di assestamento. [...]
Cronaca
16 settembre - 20:13
Trovati 26 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 19 guarigioni. Sono 20 i pazienti in ospedale, di cui 1 ricoverato in [...]
Economia
16 settembre - 20:55
Dopo le parole del rettore Flavio Deflorian ora è stata  spedita al presidente della Provincia di Trento una lettera aperta in cui si [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato