Contenuto sponsorizzato

Export da record per il Trentino, meglio di tutti nel Nord Est, Alto Adige compreso. Bort: "Preoccupati per le decisioni degli Usa"

L'export trentino si attesta intorno ai 3.678 milioni di euro per un +8,7% rispetto al 2016. Germania si conferma il mercato di riferimento, quindi Stati Uniti, Francia e Regno Unito. Le importazioni si fermano invece a a 2.353 milioni di euro con un incremento del 9% 

Di Luca Andreazza - 18 marzo 2018 - 20:20

TRENTO. L'export trentino supera la barriera dei 3.678 milioni di euro per un +8,7% rispetto al 2016 e un record di esportazioni mai toccato prima in Provincia di Trento.

 

Nel 2017 il valore delle importazioni di merci ha raggiunto invece i 2.353 milioni di euro con un incremento del 9% rispetto all’anno precedente: il saldo della bilancia commerciale si è attestato così sul valore di 1.325 milioni di euro, in aumento rispetto ai 1.225 milioni di euro del 2016.

"La dinamica mostrata nel 2017 dalle esportazioni trentine è decisamente positiva - spiega Giovanni Bort, presidente della Camera di commercio - anche nel confronto con quella rilevata a livello complessivo nazionale, dove le esportazioni sono aumentate del 7,4%. Abbiamo fatto meglio di tutti nell’area del Nord Est (+6,6%). Leggermente inferiore a quello trentino anche il dato dell’export del vicino Alto Adige (+8%)".

 

Sono circa 1.200 le imprese trentine che esportano merci e prodotti, mentre le prime 100 aziende fanno la parte del leone e realizzano l'85% dell'export complessivo. L’accelerazione delle esportazioni dalla provincia di Trento è frutto in particolare degli ottimi risultati nelle vendite all’estero di mezzi di trasporto (+139 milioni di euro), macchinari e apparecchi (+70 milioni) e prodotti alimentari e bevande (+34 milioni).

 

L’export di articoli farmaceutici e chimici (-10,9 milioni di euro) e di prodotti dell’agricoltura/silvicoltura (-9,6 milioni di euro) sono invece in leggera flessione.

 

Le esportazioni sono costituite principalmente da prodotti dell’attività manifatturiera (95,5% del valore complessivo). La quota maggiore è da attribuire ai 'macchinari e apparecchi' (19,8%), quindi 'prodotti alimentari, bevande e tabacco' (16,9%), i 'mezzi di trasporto' (14,6%), le 'sostanze e i prodotti chimici' (9,3%) e il 'legno, prodotti in legno, carta e stampa' (8,4%).

"Complessivamente - evidenzia il numero uno della Camera di commercio - questi cinque settori rappresentano il 69% delle esportazioni provinciali".

 

Un risultato brillante che vede l'Unione europea rappresentare a maggiore area di interscambio: i ventotto Paesi hanno, infatti, assorbito circa il 67% delle esportazioni, ma anche l'81,4% delle importazioni. 

 

"L’Unione europea - commenta Giovanni Bort - rappresenta quindi la principale direttrice per l’interscambio di merci con l’estero e si evidenzia un aumento, rispetto al 2016, sia nelle esportazioni (+10,4%) che nelle importazioni (+8%)".

 

La Germania si conferma il principale mercato per l'export: il valore supera i 630 milioni di euro, cioè il 17,2% delle vendite effettuate sui mercati internazionali. A grande distanza gli Stati Uniti con poco più di 390 milioni di euro pari al 10,6% delle esportazioni complessive, mentre Francia e Regno Unito sono appaiata a 344 milioni di euro (9,4%). Cresce anche l'export verso la Russia a circa 50 milioni di euro e +32,6%. Positivo anche il bilancio per quanto riguarda Spagna e Svizzera.

"Alla soddisfazione per gli ottimi risultati ottenuti in questo 2017 dalle imprese e dal ‘sistema Trentino’ nel suo complesso sui mercati esteri – conclude il presidente della Camera di Commercio – si affianca, nel contempo, la preoccupazione per le recenti decisioni dell’amministrazione statunitense e il possibile innescarsi di una nuova fase caratterizzata da politiche neo-protezionistiche in diverse aree del mondo".

 

Nell'import si distinguono invece I 'mezzi di trasporto' si piazzano al primo posto con il 21,4%, seguiti da 'legno, prodotti in legno, carta e stampa' con il 14,2% e dalle 'sostanze e prodotti chimici' con il 12,4%.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato