Contenuto sponsorizzato

Ha le apnee notturne e non può lavorare di notte, l'azienda lo licenzia

E' successo ad un uomo di 62 anni. La Cisl del Trentino pronta ad affiancare il lavoratore  in un ricorso per via giudiziaria

Pubblicato il - 06 novembre 2018 - 09:38

VILLA LAGARINA. Non può lavorare di notte, con tanto di certificato medico, e l'azienda decide di mandargli una lettera di licenziamento a pochi anni dalla pensione.

 

Questo è quello che è successo a Nicola Reca, 62 anni, da 20 operaio alla cartiera Villa Lagarina.

 

L'uomo dopo aver fatto sapere i risultati avuti a seguito di una visita, riceve dall'azienda una sospensione dal lavoro. Successivamente ha una nuova visita alla Uopsal, l'unità dell'azienda sanitaria che si occupa di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Terminata l'estate è arrivata poco dopo la lettera di licenziamento.

 

Reca è affetto di un problema di apnee notturne e questo lo obbliga ad indossare un particolare respiratore mentre dorme e questo deve avvenire di notte.

 

A seguire il caso di Reca è stata la Cisl che ha cercato una sorta di conciliazione con l'azienda senza però ad arrivare ad una soluzione. Per il sindacato il licenziamento è ritenuto illegittimo e discriminatorio. La Cisl ha affermato che affiancherà il lavoratore nel proporre un ricorso per via giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 ottobre - 13:31

In questi giorni emergono tante segnalazioni di persone in difficoltà nel rapporto con le autorità sanitarie. Anche l'Ordine dei medici si è speso per potenziare e ottimizzare il contact tracing: un sistema forte di tamponi/tracciamento/isolamento per fronteggiare la diffusione dell'epidemia. Zeni: "C'è anche un coinvolgimento scarso delle professioni sanitari. Alla Centrale Covid sono preparati, ma troppo pochi per gestire l'iter"

26 ottobre - 12:23

Le nuove regole contenute nell'ultimo Dpcm firmato dal presidente Conte prevedono la chiusura dei bar e ristoranti alle 18. Accanto alla indignazione di molti c'è anche chi, come Stefano Bertoni, decide di "trasformare i limiti in opportunità''

26 ottobre - 11:23

Ci sono 127 pazienti ricoverati nei normali reparti ospedalieri e 27 quelli nelle strutture private convenzionate, mentre sono sempre 12 le persone che ricorrono alla terapia intensiva. Sono 35 i cittadini in isolamento nella struttura di Colle Isarco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato