Contenuto sponsorizzato

Ha le apnee notturne e non può lavorare di notte, l'azienda lo licenzia

E' successo ad un uomo di 62 anni. La Cisl del Trentino pronta ad affiancare il lavoratore  in un ricorso per via giudiziaria

Pubblicato il - 06 novembre 2018 - 09:38

VILLA LAGARINA. Non può lavorare di notte, con tanto di certificato medico, e l'azienda decide di mandargli una lettera di licenziamento a pochi anni dalla pensione.

 

Questo è quello che è successo a Nicola Reca, 62 anni, da 20 operaio alla cartiera Villa Lagarina.

 

L'uomo dopo aver fatto sapere i risultati avuti a seguito di una visita, riceve dall'azienda una sospensione dal lavoro. Successivamente ha una nuova visita alla Uopsal, l'unità dell'azienda sanitaria che si occupa di prevenzione e sicurezza sul lavoro. Terminata l'estate è arrivata poco dopo la lettera di licenziamento.

 

Reca è affetto di un problema di apnee notturne e questo lo obbliga ad indossare un particolare respiratore mentre dorme e questo deve avvenire di notte.

 

A seguire il caso di Reca è stata la Cisl che ha cercato una sorta di conciliazione con l'azienda senza però ad arrivare ad una soluzione. Per il sindacato il licenziamento è ritenuto illegittimo e discriminatorio. La Cisl ha affermato che affiancherà il lavoratore nel proporre un ricorso per via giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

26 febbraio - 10:04

L'Apsp Margherita Grazioli di Povo ha lanciato una duplice iniziativa per aiutare gli over80 con difficoltà nelle prenotazioni online del vaccino. La direttrice Patty Rigatti: "Li contattiamo e fissiamo un appuntamento per vaccinarsi. Poi li facciamo trasportare ai punti di somministrazione. Tutti gratuitamente"

26 febbraio - 10:26

Gianfranca indossa pantaloni, giacca scura e ha capelli ramati. Chiunque abbia sue informazioni è pregato di contattare i carabinieri

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato