Contenuto sponsorizzato

Imprese, un nuovo piano per razionalizzare e ottimizzare i controlli. Rossi: ''Un Trentino più attrattivo per gli imprenditori''

Il primo terreno di sperimentazione è individuato nell'ambito delle imprese cooperative e questo nuovo protocollo intende ridurre l'impatto delle procedure dell'80% senza inibire le finalità dei controlli. Le misure di semplificazione riguardano quattro ambiti

Pubblicato il - 25 maggio 2018 - 19:39

TRENTO. La Provincia vara il piano di "Razionalizzazione e riduzione dei controlli sulle imprese". L'obiettivo è quello di ridurre e semplificare i controlli alle aziende.

 

Non bisogna farsi ingannare, questo non significa che le realtà provinciali potranno rilassarsi, ma semplicemente che i controlli saranno razionalizzati e ottimizzati.

 

Il primo terreno di sperimentazione è individuato nell'ambito delle imprese cooperative e questo nuovo protocollo intende ridurre l'impatto delle procedure dell'80% senza inibire le finalità dei controlli.

 

"Anche con questo intervento – commenta il presidente Ugo Rossi – vuole promuovere le competenze presenti nella società. E’ un buon esempio di sussidiarietà orizzontale e di come possiamo interpretare le competenze che la nostra Autonomia ci assegna per sperimentare, nel concreto, semplificazioni importanti nel nostro rapporto con le imprese”.

 

Le misure di semplificazione riguardano quattro ambiti: implementazione del registro unico dei controlli sulle imprese, valorizzazione dei centri di assistenza tecnica alle imprese, diffusione di modelli 231/2001modelli di rendiconto condivisi.

 

Si parte, infatti, dal dato. Ogni anno in Trentino sono circa 60 mila, 62.500 per la precisione, i controlli sulle imprese effettuati da Provincia, Agenzia e Azienda provinciale per i servizi sanitari, che rientrano in 230 procedimenti amministrativi di competenza. Sono 14 mila tra settore agricoltura, 17 mila nel Dipartimento territorio, agricoltura, ambiente e foreste, 6.500 Dipartimento sviluppo economico e lavoro e 5 mila all'azienda sanitaria.

 

Una miglior coordinamento per evitare doppi controlli da enti diversi e razionalizzare così le procedure per promuovere l'attrattività imprenditoriale del Trentino e rendere il nostro territorio aperto, dinamico e competitivo.

 

La Federazione trentina della Cooperazione riveste un ruolo importante in materia di vigilanza cooperativa: questo accordo vuole valorizzare il patrimonio di esperienza della Cooperazione, ma soprattutto essere un "laboratorio" per prassi di semplificazione che possono essere estese a altri soggetti, a titolo volontario.

 

Il protocollo propone un nuovo modello che sarà sperimentato con la Federazione trentina della cooperazione, ma è aperto all’adesione di altre categorie economiche. E' il risultato del lavoro del tavolo tecnico per i controlli sulle imprese, composto da 17 membri tra associazioni di categoria, associazioni sindacalienti bilaterali

La Federazione alimenterà il Registro unico dei controlli sulle imprese con i dati che derivano dall’attività di revisione sulle cooperative associate e dagli esiti dei processi gestionali riferiti alle attività di consulenza, sindacali, di servizio, fiscali e amministrativi sulle cooperative medesime.

Un altro punto è quello di valorizzare le certificazioni di processo, i modelli di organizzazione e di gestione previsti dalle norme in materia di disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni (decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231). 

Si punterà quindi sull’attività di verifica svolta dai centri di assistenza tecnica alle imprese aderenti alla Federazione, per l’accesso a finanziamenti e contributi provinciali o dell’Unione europea, dalla fase di istruttoria a quella di rendicontazione.

Nell'ambito dei controlli, Provincia e Federazione collaboreranno nell’individuare parametri e indicatori che saranno utilizzati per la formazione del campione delle imprese da controllare in sede di verifica finale e per valorizzare le dichiarazioni di conformità in sostituzione dei controlli cosiddetti “di primo livello”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 05:01

Piazza Dante tergiversa, approfondisce in attesa di chissà quale illuminazione. La legge è stata licenziata a luglio, il Tar ha accolto i ricorsi di diversi esercizi commerciali a inizio settembre, ma ancora si decide di non decidere

26 settembre - 20:28

La vetta della classifica resta saldamente in mano al Nordest con Bolzano che si conferma prima e Trento al terzo posto. Belluno, invece, si piazza al 32esimo posto, penalizzato quasi in tutte categorie. Brilla, però, con 5 punti su 5, nella categoria Sicurezza e Legalità: un risultato migliore anche rispetto ai due capoluoghi del Trentino - Alto Adige

26 settembre - 21:01
La via sterrata è molto stretta e il conducente della vettura ha accostato per cercare di far passare il furgone. Nella manovra però l'auto è finita nella scarpata. In azione vigili del fuoco di zona e carabinieri 
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato