Contenuto sponsorizzato

In fiamme stalla e fienile, una cinquantina di vacche erano morte. Itas anticipa 200 mila euro: "Per ripartire subito"

L'incendio era scoppiato in dicembre. La Mutua interviene in anticipo per far ripartire l'attività quanto prima. Il presidente della Mutua: "Negli ultimi 200 anni Itas è stata spesso protagonista di molte ricostruzioni"

Di Luca Andreazza - 19 febbraio 2018 - 13:28

TERLAGO. Una liquidazione anticipata di 200 mila euro. Questo l'impegno messo in campo da Itas nei confronti dell'Azienda agricola Giosi Farm nel Comune di Covelo avvenuto nel dicembre scorso (Qui articolo). Una somma destinata alla copertura della perdita di bestiame e in parte come anticipo per gli altri danni agli impianti e ai macchinari all'interno della realtà.

 

Fin dai momenti immediatamente successivi al disastro, Itas si è subito attivata in sinergia con Graziano Verones, titolare dell’azienda agricola colpita dall’incendio, e i periti incaricati, per avviare nel minore tempo possibile la valutazione dei danni e attivare il risarcimento. 

 

"Itas - commenta Fabrizio Lorenz, presidente della Mutua - sa quanto drammatiche possano essere le conseguenze degli incendi e non è un caso che la nostra realtà nasca proprio per tutelare i cittadini del territorio da questa tipologia di eventi. Negli ultimi 200 anni Itas è stata spesso protagonista di molte ricostruzioni, perché essere una Mutua assicuratrice significa innanzitutto essere un’impresa di comunità, assisterla materialmente nel momento del bisogno e aiutarla prontamente a rimettersi in piedi per ripartire meglio di prima".

Le immagini dell'incendio nella stalla a Covelo di Terlago

 

L'incendio era divampato nella notte tra il 10 e l'11 dicembre e dalla stalla si era subito allargato al fienile. Poco dopo le 3 del mattino è scattato l'allarme, sul posto si erano precipitati tutti i corpi volontari dei vigili del fuoco dei dintorni, compreso i permanenti di Trento.

 

Oltre ai danni all'immobile, gli sforzi per mettere in salvo i capi ricoverati all'interno della stalla erano stati notevoli, ma delle 150 vacche una cinquantina non ce aveva fatta.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 11:41

Nella mattinata di giovedì 26 novembre si è tenuto un incontro tra il presidente della Provincia Maurizio Fugatti e i sindaci dei due Comuni dell'Altopiano di Pinè (entrambi "zona rossa") Francesco Fantini e Alessandro Santuari. Il primo cittadino di Bedollo: "Abbiamo ottenuto conferma che se entro lunedì la situazione si stabilizza al di sotto del 3% dei positivi, l'ordinanza di zona rossa non verrà rinnovata"

26 novembre - 15:37

E' successo in bassa Baviera e vittima è stata una donna di Verona. Le forze dell'ordine hanno avviato le indagini per capire quello che è successo

26 novembre - 15:38

Personalità molto conosciuta nella comunità. Vani, purtroppo, i tentativi della macchina dei soccorsi. A lanciare l'allarme un amico che aveva raggiunto il 78enne per aiutarlo nel fare legna 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato