Contenuto sponsorizzato

Mediaworld, anche a Trento i lavoratori incrociano le braccia

L'iniziativa, promossa da Filcams del Trentino è la risposta alle ultime azioni di Mediamarket, la società che controlla i negozi a marchio Mediaworld

Pubblicato il - 03 marzo 2018 - 16:46

TRENTO. I lavoratori di Mediaworld a Trento hanno scioperato oggi in solidarietà con colleghi delle sedi di Grosseto e Milano che rischiano il licenziamento e contro la decisione dell’azienda che vorrebbe ridurre tutte le maggiorazioni.

Il presidio organizzato da Filcams del Trentino è la risposta alle ultime azioni di Mediamarket, la società che controlla i negozi a marchio Mediaworld.

 

La crisi era stata già annunciata tre anni fa, quando Mediamarket aveva reso nota l'intenzione di tagliare mille posti di lavoro. Dopo un articolato confronto azienda e sindacati trovarono insieme la strada del contratto di solidarietà che ha permesso di ridurre a 130 gli esuberi. A fronte dei sacrifici di cui si sono fatti carico i lavoratori l'azienda avrebbe dovuto portare avanti un piano di rilancio che è rimasto inattuato.

 

Nelle scorse settimane Mediamarket si è ripresentata al tavolo annunciando la chiusura al 31 marzo 2018 dei punti vendita di Grosseto e Milano Stazione Centrale, la cessazione definitiva del contratto di solidarietà (che non coinvolge Trento) il prossimo 30 aprile con la conseguente volontà di risolvere definitivamente gli esuberi, il trasferimento della sede amministrativa di Curno (Bergamo) a Verano Brianza (Milano) con 500 lavoratori costretti a subire un trasferimento obbligatorio e, infine, l'eliminazione, dal 1° maggio 2018, della maggiorazione domenicale del 90% riconoscendo il solo 30% previsto dal contratto nazionale di categoria.

 

Proposte inaccettabili per i sindacati e per i lavoratori e le lavoratrici, che fino ad oggi si sono fatti carico delle difficoltà della società. “I lavoratori vivono una situazione difficile, di grande incertezza sul loro futuro – sottolinea Alessandro Stella della Filcams del Trentino -. Si lavora sotto una continua pressione dei vertici su performance e rendimenti. I tagli del personale intanto non toccano il Trentino, ma non è abbastanza per stare sereni. Inoltre anche i dipendenti di Trento subiranno la decurtazione delle maggiorazioni. Si sciopera per essere vicini a chi rischia di restare senza lavoro e per difendere i propri diritti”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 luglio - 19:07

Come il 14 giugno anche ieri il nucleo sommozzatori dei vigili del fuoco è dovuto partire dalla caserma di Trento e raggiungere l'elicottero via terra. Impressionante il VIDEO che vi mostriamo dove si vede il secondo mezzo (il loro) che arriva quando ormai non c'è più nulla da fare. Degasperi: ''Dopo la prima tragedia avevo interrogato l'Aula per sapere perché non si sta facendo come si è sempre fatto negli anni passati. Nessuno mi ha risposto e ora c'è stato un altro morto con una dinamica identica. Va individuato il responsabile e gli va fatto cambiare lavoro''

06 luglio - 15:45

I controlli si sono concentrati in Val d’Ega, Sarentino, Renon, passo Lavazè, Val Gardena e nelle località di Corvara in Badia e Armentarola 

06 luglio - 16:28

In fase Covid-19 l'uomo era stato trasferito ai domiciliari nella casa di lui e lei e questo aveva scioccato la famiglia di Eleonora che da quasi un anno chiede giustizia per la barbara uccisione della giovane donna. Negli scorsi giorni la perizia ha confermato che l'uomo è capace di intendere e volere e ora rischia l'ergastolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato