Contenuto sponsorizzato

Sanità, La Cisl Fp organizza un sit in di protesta: ''Sblocchiamo il contratto. E' ora e tempo di chiudere''

La Cisl Fp indice un sit-in di protesta per lunedì 10 settembre alle 10.30 davanti al palazzo dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari di via Degasperi. Il sindacato: "La richiesta è quella di sbloccare il contratto e al contempo sensibilizzare la giunta per avere più risorse e da distribuire subito a tutti i lavoratori della sanità. E' ora e tempo di chiudere il contratto sanità"

Pubblicato il - 08 settembre 2018 - 16:21

TRENTO. La Cisl Fp indice un sit-in di protesta per lunedì 10 settembre alle 10.30 davanti al palazzo dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari di via Degasperi. "La richiesta - spiega il sindacato - è quella di sbloccare il contratto e al contempo sensibilizzare la giunta per avere più risorse e da distribuire subito a tutti i lavoratori della sanità. E' ora e tempo di chiudere il contratto sanità".

 

Una presa di posizione in quanto "stiamo registrando in questi ultimi tempi - continua la Cisl - forti pressioni di altri sindacati per bloccare la trattativa del contratto sanità: vogliono lasciare sul tavolo tutte le risorse strutturali di oltre 4 milioni recuperati per merito anche della nostra azione. La proposta della Cisl di erogare equamente oltre le risorse in questione anche i 5 milioni di euro una tantum a tutte le lavoratrici e lavoratori del comparto sanità".

 

"Non possiamo scherzare e dobbiamo concludere una trattativa che si sta allungando da troppo tempo. Questo comportamento - denuncia il sindacato - danneggia le lavoratrici e i lavoratori della sanità. E' necessario chiudere invece un accordo dignitoso e non lasciare i dipendenti ostaggi di nessuno". 

 

Una fretta dettata anche dalle elezioni ormai alle porte."Se non chiudiamo, il rischio concreto è quello di dover ricominciare. Abbiamo deciso di intervenire con un presidio - conclude la Cisl - per accelerare la firma del contratto e realizzare le nostre iniziative: soprattutto quella di erogare tutte le risorse in campo per tutte le professioni sanitarie e non, oltre a rilanciare una proposta per affrontare la tornata 2019/2021".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 20:28

Da qualche giorno appare chiaro che sommando i positivi trovati con i molecolari e gli antigenici il Trentino appare in linea (anzi con dati peggiori come per altro sui decessi e le terapie intensive) con l'Alto Adige. Ieri i positivi ''reali'' erano circa 520 (a fronte dei 156 comunicati in conferenza stampa) e sabato erano circa 800 (a fronte dei 219 di Fugatti e Segnana). Da domani anche la Pat dovrebbe fornire i dati completi uniformandosi alla vicina provincia di Bolzano

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 dicembre - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato