Contenuto sponsorizzato

Sanità, la Cisl Fp: "Vogliamo evitare lo scontro politico, ma servono certezze"

La delegazione Cisl Fp mostra piena soddisfazione per l'accoglimento del ripristino degli operatori socio sanitari anche nel turno notturno al pronto soccorso dell'ospedale, in particolare a S. Lorenzo di Borgo

Di Cisl Fp, spazio autogestito - 04 maggio 2018 - 12:53

TRENTO. La delegazione Cisl Fp mostra piena soddisfazione per il primo accoglimento delle istanze. Tra queste il ripristino degli operatori socio sanitari anche nel turno notturno al pronto soccorso dell'ospedale, in particolare a S. Lorenzo di Borgo.

 

"La nostra intenzione - spiega Giuseppe Pallanch, segretario della Cisl Fp - è quella di evitare il terreno dello scontro politico. Il nostro interesse è il benessere dei lavoratori, ma soprattutto il mantenimento della qualità dei servizi. Il Trentino si conferma di anno in anno ai primi posti per la sanità: questo risultato è frutto dell'impegno dei dipendenti e per questo serve un maggiore riconoscimento alle professionalità".

 

Il sindacato chiede da tempo di valorizzare il personale impegnato quotidianamente nel comparto sanità. "Occorre - aggiunge Silvano Parzian della Cisl Fp - un ragionamento a 360 gradi in grado di coinvolgere tutto la comunità trentina. Quello di Borgo è solo un primo importante passo, ma è necessario proseguire sulla strada del rafforzamento dei servizi".

 

La Cisl riparte dai tavoli tecnici per rilanciare il comparto sanità e continuerà a vigilare sul rispetto della qualità e delle legittime aspettative di tutti gli operatori sanitari e non.

 

"A breve - conclude Pallanch - ci sarà la variazione di bilancio e ancora non si capiscono i contorni della manovra, ma ci aspettiamo un confronto serio e costruttivo per continuare a mantenere gli elevati standard qualitativi della sanità trentina a tutti i cittadini".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 febbraio - 13:30

Ecco cosa dice la bozza del nuovo dpcm che sarà valido fino al 6 aprile. La zona rossa diventa più rossa con la chiusura anche di parrucchieri e barbieri quella bianca sempre più una realtà (dopo il caso della Sardegna) e prevede la riapertura praticamente di tutto (bar, ristoranti, cinema e teatri senza coprifuoco alle 22) eccetto fiere, congressi, discoteche e stadi. Resta il divieto di spostamento tra regioni ma novità per i musei

27 febbraio - 12:53

Si allunga l’elenco di Regioni e Province che hanno scelto di chiudere le scuole, troppo alto il rischio di contagi. Rezza: “Quando si parla di chiusure scolastiche è sempre doloroso ma laddove ci sono dei focolai o sono presenti le varianti è chiaro che tale decisione è assolutamente da considerare”

27 febbraio - 12:15

Sono svariati migliaia i tamponi processati per cercare le varianti in Alto Adige e complessivamente i casi trovati sono 630 e ''finora la mutazione sudafricana è stata trovata solo nella zona di Merano, Val Passiria e Val Venosta''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato