Contenuto sponsorizzato

"Stella al merito del Lavoro", consegnate le onoreficenze a otto trentini. ''Abbiamo bisogno delle vostre idee''

Il presidente Rossi: "Bene gli indicatori sull'occupazione. Rafforziamo l'impegno su stabilizzazione e conciliazione vita-lavoro". Il commissario del Governo Gioffrè: "Il nostro Paese ha gli strumenti per avviare un nuovo ciclo di sviluppo e tutti sono chiamati a dare il loro contributo"

Pubblicato il - 02 maggio 2018 - 09:45

TRENTO. La "Stella al merito del Lavoro" è un'onorificenza dall'altissimo significato civile e morale, consegnata nel corso di una solenne manifestazione pubblica che anche quest'anno si è tenuta come di consueto nella giornata della Festa del Lavoro

 

Agli otto lavoratori trentini si sono aggiunti anche i dieci altoatesini, insigniti del riconoscimento durante la cerimonia che si è tenuta nella Sala Congressi della Federazione Trentina della Cooperazione, davanti al commissario del Governo Antonio Gioffrè, del presidente della Provincia Autonoma di Trento Ugo Rossi, del sindaco di Trento Alessandro Andreatta, di Roberto Bizzo, presidente del Consiglio provinciale di Bolzano e di Rocco Renzo,  console regionale dei Maestri del Lavoro.

 

"Voi incarnate l’operosità e la voglia di fare che caratterizzano in modo inconfondibile il Trentino e l’Alto Adige/Südtirol - ha esordito Rossi - ma da voi ci si aspetta ancora qualcosa, in termini di idee, di proposte, di progetti". Rossi ha ricordato come gli indicatori sull'occupazione in Trentino siano buoni: "Cresce l'occupazione, anche quella a tempo indeterminato, cala la disoccupazione, cresce anche l'occupazione femminile, di un notevole + 16%, che ci pone ai vertici in Italia e in Europa, cresce non da ultimo l'occupazione giovanile".

 

"Questo - ha sottolineato il governatore - è frutto degli sforzi che abbiamo messo in campo, in particolare sul versante della formazione. Ora dobbiamo rafforzare il nostro impegno verso la qualità del lavoro, rendendolo sempre più stabile e sicuro. Dobbiamo anche irrobustire le misure in favore della maternità e della conciliazione tempi di lavoro-tempi di vita, con un duplice obbiettivo: tutelare la donna lavoratrice, ma al tempo stesso incoraggiare la natalità, che è il grande problema del nostro tempo".

 

Il commissario del Governo ha invece richiamato i principi costituzionali che presidiano il tema del lavoro e i diritti ad esso connessi, il rispetto dei quali consente di misurare lo stato di salute della nostra democrazia. "Il nostro Paese - ha aggiunto - ha gli strumenti per avviare un nuovo ciclo di sviluppo, a cui tutti sono chiamati a dare il loro contributo". 

 

Lorenzo Andreatta ha parlato di lavoro come di riconoscimento primario della dignità della persona, e Roberto Bizzo dell'importanza degli investimenti in ricerca e formazione duale, riconoscendo al Trentino il ruolo di apripista che spesso ha rivestito in questi ambiti. Rocco Renzo ha poi ricordato come anche nella terza età sia molto grande il contributo di chi ha accumulato una vasta esperienza nel corso della sua vita lavorativa, in termini di esempio ma anche di trasmissione delle competenze. 

 

Questi i lavoratori premiati:

 

Franco BISINELLA, quadro Iveco Defence Vehicles SpA, Bolzano

39 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

Alessandro BUOSI, quadro Amnu SpA di Pergine Valsugana

30 anni servizio – settore servizi TRENTINO

Anita DAPOR, quadro Fercam SpA, Bolzano

37 anni servizio, settore servizi ALTO ADIGE

Oliviero FAURI, impiegato in pensione Telecom Italia SpA – TAA

38 anni servizio – settore servizi ALTO ADIGE

Erwin FEDERER, impiegato KAAN snc, Cornedo

35 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

 Romano FELICETTI, dirigente Novartis Farma SpA di Origgio (Va)

34 anni servizio – settore industria TRENTINO

Luigi FELLER, operaio Filippi & Gardumi snc di Trento

39 anni servizio – settore artigianato TRENTINO

Fiorenzo FRANCESCHI, impiegato in pensione Schenk Italia SpA di Ora (Bz)

41 anni servizio – settore industria TRENTINO

Armando NARDELLI, impiegato Segata SpA di Trento

48 anni servizio – settore indistria TRENTINO

Giuseppe Matteo PRENCIPE, impiegato ristorante da Pino di S. Michele a/A

36 anni servizio – settore commercio TRENTINO

Reinhard Anselmo SENONER, impiegato Hofer Group Srl, Santa Cristina Val Gardena

35 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

Marlene SILLER, impiegato Birra Forst SpA, Lagundo

35 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

Giuseppe SIMEONI, dirigente Eurobeton Srl, Salorno

35 anni servizio – settore ind.-edil. ALTO ADIGE

Meinrad STECKHOLZER, operaio in pensione Leitner SpA, Vipiteno

41 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

Giorgio TOMASI, impiegato in pensione G.A. Operations SpA di Mattarello

43 anni servizio – settore industria TRENTINO

Giuliana VILLOTTI, impiegata in pensione Activa Società Cooperativa di Trento

35 anni servizio – settore servizi TRENTINO.

Peter WIESER, impiegato ex operaio Prinoth SpA, Vipiteno

33 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

Antonella ZUCCALI, impiegato Iveco Defence Vehicles SpA, Bolzano

28 anni servizio – settore industria ALTO ADIGE

Immagini e intervista al presidente Rossi a cura dell'ufficio stampa

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 novembre - 05:01

E' un po' presto per tirare le conclusioni. Il percorso verso dicembre è lungo e ci sono audizioni, emendamenti e votazioni in mezzo. Ma la manovra sembra piccola, molto piccola, rispetto alle possibilità e alle capacità del Trentino. Tante scelte e decisioni potrebbero essere rimandate al prossimo assestamento di bilancio

19 novembre - 19:41

Sono una quarantina i soci iscritti alla cooperativa Radio Taxi Trento che operano sul territorio provinciale. "La sicurezza negli anni è diminuita" ha spiegato il presidente Braccia. Al via, intanto, il "Taxi Rosa" per donne e minori che possono usare i mezzi nella fascia notturna con un buono sconto di 5 euro

19 novembre - 20:12

I contesti più critici sono rappresentati dalle frane verificatesi nel fondo valle e dalle valanghe in alta quota, la Pat: “Monitoriamo la situazione”. Rimane chiusa la strada statale 240, che collega Riva del Garda con Torbole, per la possibilità che altri massi si stacchino dal Monte Brione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato