Contenuto sponsorizzato

Voci di chiusura del Trony? Il gruppo smentisce. I proprietari: "Siamo una società in salute con 60 anni di storia alle spalle"

Nessun terremoto nei punti vendita targati Trony in Trentino. La proprietà tiene a rassicurare i 130 dipendenti, così come fornitori e clienti: "Non abbiamo pendenze e siamo tranquilli"

Di Luca Andreazza - 19 febbraio 2018 - 16:53

TRENTO. Nessun terremoto nei punti vendita targati Trony in Trentino. La notizia era arrivata come un fulmine a ciel sereno ieri e aveva trovato spazio in alcuni organi di stampa. E le parti sociali si sono subito attivate per chiedere rassicurazione. Prontamente arriva la smentita da parte della realtà trentina. I quattro punti sparsi tra Trento, Cles e Rovereto sono in salute e continua l'attività. Nessun problema.

 

"I negozi a marchio Trony - spiega Corrado Detassis, titolare dei punti trentini - sono tutti gestiti in maniera indipendente. Sono diverse le società in Italia, tutte economicamente e finanziariamente in regola. Le criticità riguardano soltanto un'azienda di Milano, che purtroppo versa in cattive acque. E' una società importante, ma slegata da tutti e questo non incide in alcun modo sulla nostra realtà, così come sugli altri quattordici gruppi presenti a livello nazionale". 

 

Un problema che riguarda esclusivamente alcuni punti presenti in Lombardia, Liguria e Puglia. La proprietà tiene a rassicurare i 130 dipendenti, così come fornitori e clienti. "Non abbiamo pendenze e siamo tranquilli. Il nostro - commenta Detassis - è un gruppo solido. Una realtà costruita in oltre 60 anni di lavoro e investimenti per guadagnare la fiducia di tutti. Basta poco per rovinare il mercato e teniamo a precisare che i negozi trentini a marchio Trony sono in salute e l'attività continua".

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 giugno - 06:02

Dopo aver scoperto in diretta dall'annuncio del presidente Fugatti che i servizi all'infanzia avrebbero riaperto (praticamente solo per 5 settimane o poco più) si è scatenato il caos tra gli addetti ai lavori trattati alla stregua di ''parcheggiatori'' di bambini. Ieri sono arrivate le linee guida ma le lettere di due istituti della Valsugana dimostrano quanta poca condivisione ci sia stata in questa fase da parte della Giunta con i dirigenti che arrivano a consigliano ai genitori di valutare attentamente il reinserimento dei loro bambini

03 giugno - 21:46

Il Veneto si prepara a lanciare la stagione estiva ai tempi del coronavirus. Il primo fine settimana sembra essere andato oltre le previsione e questo porta ottimismo per cercare di salvare un pezzo importante dell'economia. Roberto Padrin: "Abbiamo aumentato gli investimenti, anche ai Consorzi locali per una promozione unitaria ma differente. A inizio autunno i conti per capire i danni e dove intervenire"

04 giugno - 08:12

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco, fortunatamente non ci sono stati feriti. Fuori uso due generatori alimentati da biogas

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato