Contenuto sponsorizzato

Fatture elettroniche: il 4,43% degli invii non va a buon fine. In Trentino Alto Adige ne sono state fatte oltre 4 milioni

Al 18 febbraio sono state inviate 230 milioni di fatture elettroniche da parte di 2,3 milioni di operatori. Con riguardo alla platea degli operatori coinvolti, tra i più attivi, dopo concessionarie e autofficine, troviamo liberi professionisti (338.691), costruttori (269.972), manifatture (269.600), agenti immobiliari (142.627), alberghi e ristoranti (121.171)

Pubblicato il - 21 febbraio 2019 - 17:41

TRENTO. C'è da migliorare ma i primi dati sembrano confortanti. Al 18 febbraio sono state inviate 230 milioni di fatture elettroniche da parte di 2,3 milioni di operatori. Dal Trentino-Alto Adige, in particolare, sono stati 4 milioni gli invii (4.078.470) il che vuol dire che le e-fatture sono più che raddoppiate nei primi 18 giorni di febbraio diventando uno strumento sempre più utilizzato dai cittadini italiani. Ma c'è un ma: il 4,43% degli invii non è andato a buon fine per errori nella compilazione, come indicazione di partita Iva errata, codice destinatario errato, fattura duplicata, errore nell’estensione del file, due o più fatture con lo stesso nome.

 

E' l'Agenzia delle Entrate a comunicare questi dati e ad aggiungere che sono state rilasciate 7 milioni di deleghe per i servizi del sistema Fatture e corrispettivi, di cui 2 milioni tramite gli uffici delle Entrate e 5 milioni attraverso le altre modalità (area riservata del sito internet delle Entrate, pec). A quota 3,6 milioni, invece, le registrazioni dell’indirizzo telematico: si tratta del servizio che consente agli utenti di registrare l’indirizzo pec o il codice destinatario di 7 cifre al quale lo Sdi indirizza in maniera automatica tutte le fatture elettroniche. Sono 3,3 milioni, infine, le richieste di generazione del Qr code da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta, per consentirgli di acquisire in automatico i dati del cliente.

 

Il settore più interessato dalla trasmissione delle fatture elettroniche è quello del commercio all'ingrosso e al dettaglio-riparazione di autoveicoli e motocicli, che fa registrare, sempre al 18 febbraio, 55.750.194 invii da parte di 550.039 operatori. Nel settore delle manifatture sono oltre 20 milioni le fatture trasmesse (20.236.052), mentre superano la soglia dei 10 milioni i file inviati da parte di attività di noleggio, agenzie di viaggio e servizi di supporto alle imprese (10.490.684) e toccano quota 7,7 milioni quelli inviati nel settore del trasporto e magazzinaggio (7.741.565).

 

Con riguardo invece alla platea degli operatori coinvolti, tra i più attivi, dopo concessionarie e autofficine, troviamo liberi professionisti (338.691), costruttori (269.972), manifatture (269.600), agenti immobiliari (142.627), alberghi e ristoranti (121.171).

 

In Trentino Alto Adige, come detto, sono stati 4.078.470 gli invii provenienti da 62.261 operatori a livello regionale con Bolzano a 2.469.403 invii da 33.828 soggetti e Trento a 1.609.067 invii da 28.433 soggetti. Tra le regioni del Nord-Est, spicca naturalmente il Veneto con 12.153.873 fatture inviate mentre il Friuli Venezia-Giulia fa registrare 2.413.449 scambi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.19 del 12 Novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

13 novembre - 12:44

A esprimere forti perplessità sull'operazione i territori. E arriva la presa di posizione, pubblica, di Simone Santuari, presidente della comunità valle di Cembra a rappresentare anche le preoccupazioni di molti sindaci. Santuari: "Lavoriamo a consolidare il rapporto tra la valle di Cembra e la Rotaliana per cercare di costruire un percorso tra le due Comunità"

13 novembre - 12:49

I disagi provocati dalle precipitazioni nevose di questa notte sono diffusi su tutto il territorio provinciale. La possibile caduta di alberi e il pericolo valanghe ha portato alla chiusura di alcuni passi e tratti di strade provinciali. In Tonale la neve caduta ha raggiunto i 70 centimetri. Abbondanti fiocchi sono scesi in tutte le vallate del Trentino

13 novembre - 05:01

Massimo Kunle D'Accordi, giurista, ricercatore e consulente in materia di immigrazione è un profondo conoscitore della mafia nigeriana. Sua una delle ricerche più importanti sul fenomeno. Fondamentale l'attenzione messa dalle forze dell'ordine. "Sul piano locale - spiega - la penetrazione e il radicamento delle organizzazioni mafiose nigeriane dipenderà anche dalle azioni, sul piano sociale e della conoscenza, che il Trentino saprà attuare per fronteggiare il fenomeno"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato