Contenuto sponsorizzato

Non si sblocca il contratto di Trentino trasporti, i sindacati: ''Accordo fermo dal 2001 e risorse irrisorie dalla Pat, pronti alla mobilitazione''

I sindacati hanno chiesto anche un incontro urgente al presidente Fugatti per sbloccare la trattativa. Le parti sociali: "Chiediamo un confronto di merito partendo dalla piattaforma approvata dal consiglio della Rsu"

Pubblicato il - 29 agosto 2019 - 16:22

TRENTO. Si è concluso con un nulla di fatto l’incontro di oggi, giovedì 28 agosto, per il rinnovo del contratto di secondo livello per il personale di Trentino trasporti.

 

La trattativa di fatto è bloccata. "Il nodo principale - spiegano Stefano Montani (Filt Cgil), Massimo Mazzurana (Fit Cisl), Nicola Petrolli (Uiltrasporti) e Michele Giovoli (Faisa) – è legato alle insufficienti risorse messe sul tavolo dalla Provincia. Chiediamo un confronto di merito partendo dalla piattaforma approvata dal consiglio della Rsu”. 

 

I sindacati hanno chiesto anche un incontro urgente al presidente Fugatti per sbloccare la trattativa. "Va bene - dice Montani - far viaggiare gli studenti e gli over 70 più o meno gratis, ma il personale deve essere valorizzato. Il contratto aziendale è fermo dal 2001 e sul tavolo sono state messe risorse irrisorie".

 

Le sigle sindacali hanno proclamato lo stato di agitazione per tutto il personale di Trentino trasporti. "Speriamo di portare a termine un accordo dignitoso dopo tanti anni di blocco - conclude Montani - ma non escludiamo eventuali mobilitazioni se la Provincia e la politica non dovessero intervenire per rinnovare il contratto". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.00 del 11 Agosto
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

14 agosto - 10:40

Ci sono 9 Regioni con un Rt superiore a 1, rischiano Lazio (0.99) e Bolzano (0.97). Resta alta l’attenzione in Provincia di Trento (0.78). L’Iss: “L’Italia si trova in una fase epidemiologica di transizione con tendenza ad un progressivo peggioramento”

14 agosto - 12:28

Lo scandalo dei politici già pagati dai cittadini suoi 10.000 euro lordi al mese che hanno anche fatto la richiesta dei 600 euro destinati a chi era in difficoltà a mettere qualcosa nel piatto e a pagare le bollette sta coinvolgendo tutto il Paese con la Lega su tutti che, però, sta avendo il buon senso di sospendere e stigmatizzare i ''suoi'' che hanno approfittato delle maglie larghe del bonus. In Alto Adige (dove sono 4 i consiglieri provinciali coinvolti), invece, tutto sembra destinato a risolversi con uno scusate, li restituiamo e siamo pari

14 agosto - 15:26

L'Azienda sanitaria dell’Alto Adige non ha nulla a che fare con questo e intraprenderà le necessarie azioni legali

 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato