Contenuto sponsorizzato

Quota 100, i sindacati: "Fugatti sottovaluta il problema, serve un piano di assunzioni straordinario''

Le stime dei sindacati indicano che nel prossimo triennio si potrebbe assistere alla riduzione del 12% del personale. Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl: "Oggi la pubblica amministrazione trentina si trova ai vertici a livello nazionale, ma si rischia di perdere in efficienza e qualità senza un'attenta valutazione dei fabbisogni"

Pubblicato il - 16 febbraio 2019 - 19:32

TRENTO. I sindacati Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl rilanciano la piattaforma condivisa per evidenziare le priorità e le perplessità in merito all'introduzione di quota 100. "Chiediamo - dicono le parti sociali - un incontro al presidente Fugatti per valutare la tenuta della macchina provinciale e sbloccare il turn over. Oggi la pubblica amministrazione trentina si trova ai vertici a livello nazionale, ma si rischia di perdere in efficienza e qualità senza un'attenta valutazione dei fabbisogni".

 

Le stime dei sindacati indicano che nel prossimo triennio si potrebbe assistere alla riduzione del 12% del personale. "Siamo estremamente preoccupati - aggiungono i tre sindacati - serve un piano straordinario delle assunzioni per non compromettere i livelli raggiunti nel tempo. È necessario investire nel capitale umano e nel mentoring. Prevediamo l'uscita di professionisti esperti e formati, non si può pretendere che i giovani siano in grado di subentrare con le stesse competenze senza adeguata formazione e affiancamento ".

 

Le parti sociali chiedono una base di confronto in quanto si ipotizzano almeno 4 mila uscite dal mondo del lavoro tra i settori pubblici e privati. "Serve un piano - spiegano - per tutti i profili professionali. Si deve valorizzare il personale e aiutare i giovani a crescere e inserirsi sul mercato del lavoro".

 

Torna alla ribalta anche l'ipotesi di assumere circa 800 persone varato dall'amministrazione provinciale uscente. "Serve mettere qualche punto fermo per ripartire e non farsi investire dagli eventi. Ci sono anche servizi molto delicati che richiedono un'attenta pianificazione, come il settore sanitario e quello dei servizi. È importante stabilizzare i precari e prevedere le assunzioni in modo concreto, senza tergiversare o aspettare che sia troppo tardi".

 

Se Cgil Fp, Cisl Fp e Uil Fpl accolgono con favore la notizia di nuove assunzioni nei Centri per l’impiego trentini, sollecitano la Giunta ad effettuare un ragionamento complessivo sulle necessità in tutti i servizi pubblici del territorio.

 

"Il blocco delle assunzioni - concludono i sindacati -  attanaglia da anni le amministrazioni pubbliche. Il personale è ai minimi termini e questo mette in difficoltà in alcuni casi l’erogazione dei servizi. Restano inoltre in sospeso le questioni contrattuali che necessitano di risorse nuove per la ripartenza del tavolo negoziale. È urgente incontrarsi".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 dicembre - 20:45

Il premier Giuseppe Conte spiega le principali misure contenute nel nuovo Dpcm per le festività di Natale e Capodanno: "La curva si è abbassata ma non possiamo distrarci e abbassare la guardia. Dobbiamo evitare la terza ondata"

03 dicembre - 20:17

Sono 449 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 45 pazienti sono in terapia intensiva e 53 in alta intensità. Sono stati comunicati 239 positivi sull'analisi di 3.575 tamponi molecolari e altri 237 contagi sono stati individuati tramite 1.954 test antigenici per un totale di 476 casi nelle ultime 24 ore

03 dicembre - 19:01

Mentre oggi la Pat ha finalmente comunicato i dati completi del contagio che mostrano come il Trentino abbia lo stesso numero (se non di più) di contagi dell'Alto Adige, come vi raccontava il Dolomiti da giorni, il presidente ha presentato i dati su Rt e ospedalizzazioni. Poi ha spiegato cosa non va delle decisioni prese a livello governativo e confermato che il weekend i negozi e centri commerciali saranno aperti in Trentino, salvo dpcm

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato