Contenuto sponsorizzato

“Basta essere considerati di serie B”, a Trento la protesta silenziosa dei lavoratori e delle lavoratrici dello spettacolo

Questa mattina molti lavoratori e molte lavoratrici si sono ritrovati davanti al Commissariato del Governo a Trento per protestare contro il "silenzio" che è caduto sulle attività culturali del paese colpite dalla crisi arrivata con la pandemia

Pubblicato il - 30 ottobre 2020 - 13:28

TRENTO. “I teatri sono luoghi sicuri” e “chiediamo che le istituzioni ci ascoltino”, sono due delle tante frasi che questa mattina erano imprese nei cartelli rossi che tenevano in mano i lavoratori e le lavoratrici dello spettacolo nel presidio che si è tenuto davanti al Commissariato del Governo.

 

Tante persone unite, però, da un denominatore comune. Quello della precarietà che colpisce artisti, scenografici, danzatori, musicisti, attori e registri, tecnici, cantanti, presentatori, disc-jockey, tecnici, solo per citarne alcuni.


Da marzo ad oggi sono migliaia le persone che si trovano in quella che è stata definita una vera e propria emergenza lavorativa, spesso silenziosa come gran parte del presidio di Trento per rappresentare il silenzio che è caduto sulle attività culturali in tutto il Paese.


I lavoratori e le lavoratrici del settore chiedono un sostegno certo che copra tutto il 2021, ma anche un sistema di regole e tutele strutturali per tutti i lavoratori atipici e discontinui. Alcuni di questi professionisti non hanno ancora ricevuto il bonus Inps e anche i mille euro previsti nel nuovo “decreto Ristoro” potrebbero essere difficili da ottenere a causa della molteplicità di tipologie contrattuali che caratterizzano il comparto.


Ma tra le richieste c'è anche quella di individuare una continuità di reddito che riconosca tutti i periodi di lavoro, preparazione e formazione, e non solo quelli in cui si va in scena; adottare drastiche misure di contrasto al lavoro nero nello spettacolo come la semplificazione delle procedure e agevolazioni fiscali a sostegno della produzione e programmazione; riconoscere la Naspi e la copertura Inail anche ai lavoratori autonomi dello spettacolo e individuare requisiti per l’accesso che tengano conto della discontinuità lavorative di artisti e tecnici e professionisti dello spettacolo; includere nel bacino Ex Enpals anche l’insegnamento di mestieri e professioni dello spettacolo; rinnovare il contratto nazionale fermo ormai dal 2006 garantendo i diritti anche ai lavoratori atipici e stabilizzare i lavoratori precari che, senza tutele e certezze occupazionale, hanno subito maggiormente il blocco delle attività.


Maggiore attenzione e impegni concreti sono stati chiesti anche alla politica provinciale e nazionale nella consapevolezza che servono oggi più che mai misure che guardino anche oltre la fase di emergenza, investimenti per una vera ripartenza.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
04 dicembre - 05:01
Circa 250 migranti che vivono in Trentino sono stati obbligati a presentarsi in Questura con la scusa di ricevere “importanti comunicazioni [...]
Cronaca
03 dicembre - 18:31
Il giovane ha riportato un violento trauma ed è stato necessario recuperarlo con l'elicottero per portarlo in emergenza all'ospedale di Trento
Cronaca
03 dicembre - 18:47
Il Comitato Una Chance per Chico ha fatto il punto sulle iniziative che verranno messe in campo nelle prossime settimane e nei prossimi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato