Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, al via le scuole e aumentano gli utenti sugli autobus, i sindacati: ''Per i dipendenti di Trentino Trasporti ancora nessun test. Dalla Pat promesse elettorali''

Il 6 agosto Fugatti, spiegano i sindacati, annunciava con grande entusiasmo un’iniziativa concordata tra Società e Provincia: la possibilità, per i quasi mille operatori a contatto con il pubblico, di accedere su base volontaria e gratuita al servizio sanitario per l’effettuazione dei test sierologici prima dell'apertura delle scuole. Ad oggi, però, non si è saputo nulla

Pubblicato il - 14 settembre 2020 - 10:52

TRENTO. “Controlli sierologici per i dipendenti di Trentino Trasporti prima dell'inizio anno scolastico. Ma quale anno?”. A chiederselo sono i sindacati Filt Cgil, Fit Cisl e Faisa Cisal criticando il fatto che i test promessi dalla Provincia fino ad oggi non sono stati effettuati.

Le scuole hanno riaperto i battenti e come previsto il numero di utenti a bordo dei treni e degli autobus urbani ed extraurbani di Trentino trasporti è cresciuto.

 

“Al grido di 'viaggiare sicuri è un diritto. Farvi viaggiare sicuri è un nostro dovere' l’azienda dedica giustamente tempo e risorse alla sanificazione e alla pulizia dei mezzi, ma si può dire altrettanto per quanto riguarda la prevenzione e promozione della salute dei propri addetti?” si chiedono Stefano Montani (Filt Cgil), Massimo Mazzurana (Fit Cisl) e Paolo Saltori (Faisa Cisal).

 

Il 6 agosto Fugatti, spiegano i sindacati, annunciava con grande entusiasmo un’iniziativa concordata tra Società e Provincia: la possibilità, per i quasi mille operatori a contatto con il pubblico, di accedere su base volontaria e gratuita al servizio sanitario per l’effettuazione dei test sierologici prima dell'apertura delle scuole

 

“Di questa iniziativa – spiegano - non si è saputo più nulla. In data 18 agosto abbiamo chiesto chiarimenti sulle tempistiche e sulle modalità inviando una lettera in azienda e per conoscenza alla Pat. Non avendo ricevuto risposta, abbiamo inviato una nuova lettera di sollecito mercoledì 9 settembre. Tutto tace e la domanda nasce spontanea: test sierologici prima dell’inizio dell’anno scolastico. Quale anno?”.

 

La possibilità di effettuare i test rimarrà dunque un miraggio “come l’installazione che abbiamo richiesto già a febbraio delle pareti in plexiglass destinate a proteggere il posto guida a bordo dei mezzi extraurbani. Anche su questo fronte c’è solo il silenzio e ancora una volta non rimane che constatare come in tempi di campagna elettorale sia più facile promettere che mantenere”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 aprile - 13:04
Le riaperture annunciate dal governo Draghi, per il virologo Buroni, sarebbero decisioni politiche perché le conoscenze scientifiche non [...]
Cronaca
18 aprile - 12:39
Nello stato di San Paolo in particolare una buona parte degli ospedali avrebbe esaurito le scorte di sedativi per i pazienti intubati che, secondo [...]
Ambiente
18 aprile - 12:53
L'enorme massa di ghiaccio di 6.000 chilometri quadrati si era staccata dall'Antartide nel 2017, dirigendosi lentamente verso l'isola della Georgia [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato